Ognuno di noi gestisce il suo tempo libero in maniera diversa e dedica ai videogame il tempo che può. C’è chi fa una partita dopo cena, chi passa le notti ad esplorare nuove terre e chi si dedica tutto il pomeriggio dopo scuola in memorabili battaglie, ma quello che li può accomunare indipendentemente dal tempo di gioco è lo stile di approccio al videogame.

Abbiamo deciso di creare una classifica con i 6 tipi di giocatori diversi che sarà possibile trovare sulle varie piattaforme di gioco con tanto di video descrittivo (se possibile).

#1 Il Retro-Gamer

Snobba tutte le produzioni recenti definendole come prive di trama e filo logico rese commerciali esclusivamente dall’adozione dell’ultimo motore grafico. Dedica tutto il suo tempo a cercar di far partire giochi molto vecchi che hanno segnato la sua infanzia (spesso inutilmente) rassegnandosi all’idea di dover investire i suoi risparmi in schede video e sistemi ormai non più in produzione. Troverà la pace solo quando riuscirà a giocare alla prima versione di DOOM senza dover emulare nessun sistema. Ovviamente ne possiede la copia originale, imbustata sottovuoto nella cassaforte di famiglia.

Eccone uno all’opera che vi mostra la sua libreria. Ovviamente su Windows 98.

#2 Lo spazientito

Non importa se stia giocando ad un FPS in prima persona o a Monopoli, lui riuscirà a lamentarsi in ogni caso dando la colpa alla connessione o agli alleati poco skillati con la quale si ritrova. Purtroppo non troverà mai pace, nemmeno sotto effetto di stupefacenti, e verrà reclutato da una moltitudine di clan solo per lo spettacolo che fa non appena si trova tra le mani un controller o un mouse.

Meglio non essere nelle vicinanze quando gioca, potreste finire in ospedale.

#3 Il fuori-classe

Non c’è gioco che lui non abbia finito in meno di 3 giorni sbloccando tutti gli obiettivi e easter-egg disponibili. E’ il più odiato dai giocatori che, in ambiente multiplayer-competitivo, non hanno una chance di vittoria. La sua parola d’ordine è DISTRUGGERE e non si fermerà fino a quando non inizieranno i quit-rage degli avversari. Ovviamente predilige ambienti multiplayer per dimostrare agli altri quanto sia skillato.

 #4 L’HardCore gamer

Ognuno ha dei suoi canoni per decidere se un player è hardcore oppure no, noi lo vediamo così.

Che siano le 4 di mattina o le 4 di pomeriggio non fa differenza. L’hardcore gamer è colui che metterà da parte qualunque cosa, si anche lei, pur di poter giocare anche solo 5 minuti ai suoi giochi. Se potesse giocherebbe 25 ore al giorno nutrendosi per via endovenosa pur di non dover quittare. Anche se non necessariamente skillato l’hardcore gamer è l’unico in grado di competere con il fuori-classe grazie all’esperienza accumulata nelle ore di gioco. Per fortuna al momento non esiste un misto tra le due specie.

Purtroppo non possiamo proporvi un video, non esiste ancora un supporto in grado di tenere in memoria così tante ore. Abbiamo tuttavia trovato un immagine che vale più di mille minuti, giorni in questo caso.

hardcore-gamer

#5 lo Sciallo

Specie molto rara in ambito videoludico forse addirittura inesistente. Leggende narrano che l’esemplare desti la curiosità dei suoi compagni di clan vista l’inefficacia di provocazioni balistiche sul suo PNG. Lo sciallo affronta ogni tipo di gioco con calma e serenità riuscendo a giocare Dark Souls senza infrangere nessun comandamento e con un espressione di fattanza perenne stampata in faccia.

Purtroppo anche in questo caso niente video. Pare che sia più difficile del previsto immortalare tali giocatori. Abbiamo però trovato in antichi documenti un immagine che potrebbe raffigurarne uno.

black_video_gamer_page-bg_15697

#6 Il Troll

Lui non gioca per divertirsi, gioca per farvi soffrire. Il suo unico scopo è trarre godimento dalle vostre sfuriate e dai vostri insulti. Troverà il modo di infastidirvi in ogni gioco possibile e immaginabile. Niente lo può fermare.

Qui sotto vi diamo un esempio di ciò che è capace di fare un Troll professionista. Un consiglio, non imitatelo.

 

 

 

E voi? che tipo di gamer siete?

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorsair potrebbe richiamare alcuni H110i GT
Articolo successivoRecensione Noctua Redux
(Admin, Fondatore, Redattore) Studente di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche presso UniMi, più precisamente alla sede distaccata di Crema . Si occupa principalmente di articoli sull’ HW e configurazioni per ogni fascia di prezzo. Ha la passione per i videogiochi e le 2 ruote.

LASCIA UN COMMENTO