Durante la GDC di San Francisco che si sta svolgendo in quest giorni Intel ha dato comunicazione che le CPU Broadwell verranno immesse sul mercato intorno alla metà di quest’anno ( si pensa verso agosto) nonostante i rumor che si stavano rendendo insistenti in rete.

La nuova serie di CPU sarà basata sulla litografia da 14nm che avrebbe dovuto introdurre Skylake e supporterà i socket della serie 1150. Broadwell sarà quindi compatibile con le schede madri h97 e z97 attualmente in commercio attraverso un semplice aggiornamento del bios.

Le cpu avranno un TDP di partenza per la serie desktop di 65W contro i 95 di cui si parlava fino a qualche giorno fa e integreranno la grafica Iris Pro per migliori prestazioni.  Esse saranno naturalmente disponibili in versione “liscia” e “k” con moltiplicatore sbloccato per la gioia degli overclocker e degli appassionati.

Intel-Broadwell-Iris-Pro-635x332

Probabilmente la nuova serie sarà compatibile anche con chipset h/z 80, ma ciò dipende dalla volontà dei produttori di schede madri di voler aggiornare i bios e rendere compatibili le nuove CPU.

Ad oggi non sappiamo quali siano le vere potenzialità di Broadwell che adotta un processo produttivo totalmente nuovo, ma speriamo vivamente che possa introdurre un netto miglioramento in termini di prestazioni rispetto alla serie precedente.

27151_1_intel_rejects_the_idea_that_they_are_going_bga_only_full

A livello di prezzi ci immaginiamo i soliti 330€ circa per la serie I7, 230€ per I5 e circa 130€ per gli I3.

Al momento di Skylake nessuna notizia, riuscirà l’azienda a rispettare la timeline che si era imposta ?

CONDIVIDI
Articolo precedenteValve svela il nuovo Source 2
Articolo successivoZotac annuncia la sua Steam Machine
(Admin, Fondatore, Redattore) Studente di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche presso UniMi, più precisamente alla sede distaccata di Crema . Si occupa principalmente di articoli sull’ HW e configurazioni per ogni fascia di prezzo. Ha la passione per i videogiochi e le 2 ruote.

LASCIA UN COMMENTO