Direttamente dal CEO 2015 arriva la notizia della presentazione della nuovissima X99S SLI Krait Edition. La versione Krait di MSI si distingue dalle altre schede madri per il look estremamente minimale grazie alla colorazione nero/bianca delle sue componenti, particolarmente apprezzata dal pubblico per la sua neutralità e il possibile affiancamento con hardware di qualsiasi genere.

La nuova scheda adotta il nuovo chipset intel X99 con supporto alle memorie DDR4 e ai processori di ultima generazione come per esempio l’i7 5820k e dispone inoltre di connettori per l’archiviazione di massa ad alta velocità come Sata Express e Turbo M.2 oltre che alle più classiche porta Sata.

A bordo dell’ultima nata troviamo anche il nuovo sistema MSI GuardPro che riduce anche il consumo di energia fino al 29%, fornendo protezione anche ai circuiti. L’ ESD e l’EMI si occuperanno di ridurre le interferenze e le interruzioni dei componenti garantendo la massima protezione al sistema che affiancati allo standard Military Class 4, con controllo di umidità e temperatura, rendono questo prodotto un agglomerato di tecnologia e sicurezza.

Il comparto audio è estremamente curato. Troviamo infatti il già conosciuto sistema Audio Boost in grado di offrire un suono cristallino e privo di interferenze grazie alla schermatura del chip audio e all’amplificatore per cuffie da 600Ω. Come tutti i sistemi audio professionali la scheda sarà dotata di connettori jack audio dorati e condensatori di altà qualità per garantire il miglior segnale possibile.

Per quanto riguarda Prezzo e disponibilità non ci sono ancora notizie ma vi terremo senz’altro aggiornati.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorsair presenta H110I GT
Articolo successivoCrucial Porta le DDR4 anche su laptop
(Admin, Fondatore, Redattore) Studente di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche presso UniMi, più precisamente alla sede distaccata di Crema . Si occupa principalmente di articoli sull’ HW e configurazioni per ogni fascia di prezzo. Ha la passione per i videogiochi e le 2 ruote.

LASCIA UN COMMENTO