Quante ore passate davanti ai vostri videogiochi preferiti? Noi tante, però il momento in cui si scarta la copertina e si sente il profumo della scatola fresca da negozio, piuttosto che quel momento in cui terminate il download sulla piattaforma, non fa altro che far aumentare la voglia di giocare e immergersi in un nuovo mondo. Certo, forse all’inizio quando iniziate muovere i primi passi in un dungeon sterminato o iniziate a sparare i primi colpi in arene mozzafiato, potreste inciampare in comandi diversi dal solito, diversi da qualunque altro gioco provato fino a quel momento. Con un po’ di pazienza e tenacia però, ci si è sempre abituati, e con le ore passate davanti al videogioco avrete acquisito sicuramente una certa esperienza.

DAPrintFeb_1.1398124188

Beh, secondo EA, noto marchio che vanta tra i propri prodotti titoli come Dragon Age, Battlefield, Fifa e molti altri, il tempo passato ad imparare i comandi è troppo ed imparare a giocare risulterebbe troppo difficile.

A fare questa dichiarazione è stato l‘EA Chief Creative Officer, Richard Hilleman, in occasione del D.I.C.E. summit di Las Vegas durante una conferenza con gli sviluppatori.

Secondo Hilleman infatti il Player medio impiegherebbe ben 2 ore per imparare correttamente i comandi di un nuovo titolo. Il Chief Continua definendo i giochi EA troppo difficili da imparare e che avendo una vita al di fuori dei videogiochi, chiedere tutto questo tempo agli utenti vorrebbe dire chiedere loro troppo.

L‘obiettivo di EA pare quindi essere la semplificazione dei comandi nei loro titoli, ma vogliamo davvero questo?

3

Si passerebbe da una sfida di per sè già bassa presente nei titoli moderni ad una difficolta praticamente nulla, visto che l’unica difficolta di oggi può riassumersi nelle prime ore di gioco quando siamo ancora un po’ impacciati con il nostro personaggio. Voi cosa ne pensate? Ritenete che i comandi siano realmente troppo difficili o preferite lanciarvi alla scoperta di nuove combo in ogni gioco?

CONDIVIDI
Articolo precedenteDeepCool svela GameStorm Assassin II
Articolo successivoIntel presenterà le CPU a 10nm all’inizio del 2017
(Admin, Fondatore, Redattore) Studente di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche presso UniMi, più precisamente alla sede distaccata di Crema . Si occupa principalmente di articoli sull’ HW e configurazioni per ogni fascia di prezzo. Ha la passione per i videogiochi e le 2 ruote.

LASCIA UN COMMENTO