“Cosa? Un monitor cinese?!?” è la reazione dei più alla vista di questo monitor, prodotto dall’azienda Taiwanese AOC. Non fatevi accecare dal razzismo, però: AOC ha un lungo trascorso nella produzione di monitor per PC, e non sono affatto male.

61dyqLpysoL._SL1200_

Caratteristiche tecniche

Lo schermo monta un pannello da 27 pollici basato su tecnologia PLS: si tratta di una tecnologia simile all’IPS, che garantisce colori molto brillanti (seppur non ai livelli esagerati di un IPS), una maggiore luminosità (300 cd/m2 al massimo), e angoli di visione elevatissimi, a un costo più o meno identico ad un IPS. Il contrasto massimo è di 1000:1 (nella media). La retroilluminazione è ovviamente a LED.

La risoluzione è 2560×1440 (1440p, anche detta QHD), con una frequenza massima di 60 Hz. Questa risoluzione garantisce una migliore definizione rispetto ai comuni monitor Full HD (1920×1080), seppur non ai livelli di un 4K. Le prestazioni nei giochi restano quasi invariate passando da 1080p a 1440p.

Il tempo di risposta è di 5 ms, a causa delle limitazioni della tecnologia IPS, ma non c’è ghosting nè input lag percepibile.

Quanto alla connettività, lo schermo ha ingressi DisplayPort, DVI (single link), VGA e HDMI; ha un ingresso audio da 3.5mm per gli altoparlanti integrati, un’uscita per le cuffie da 3.5mm; e un hub USB 3.0 a 4 porte. Nella confezione sono inclusi i cavi USB, VGA e DVI, ma non quelli DisplayPort e HDMI.

Inoltre è presente un altoparlante da 2W. La qualità non è esattamente alta, ma non si tratta di un televisore, quindi passiamo oltre.

Come nota, il monitor è molto pesante, circa 12 Kg. Pesi elevati di solito indicano qualità elevata.

Qualità dell’immagine

I colori sono molto brillanti, e la luminosità ottima. Rispetto a un comune pannello TN, siamo su un livello completamente differente. Personalmente tengo la luminosità al 75%, poichè al massimo è fin troppo forte. Ovviamente non ci sono pixel difettosi.

L’angolo di visione orizzontale è molto alto, oserei dire 180°; tuttavia quello verticale è molto inferiore: se visto da un’angolazione troppo alta o troppo bassa, i colori tendono al marroncino.

A causa delle limitazioni della tecnologia IPS, i neri sono poco profondi.

IMG_20141125_084324Non c’è backlight bleeding, che invece è molto comune nei pannelli economici.

Ricordate sempre che un pannello IPS soffre di burn-in, quindi lasciando la stessa immagine fissa per diversi minuti, rimarrà visibile per un po’ di tempo; se la si lascia per molte ore però, dovrete buttare lo schermo! Ricordatevi dunque di far spegnere automaticamente lo schermo dopo qualche minuto di inutilizzo, o attivare lo screensaver stile anni ’90.

Design

51LiQiyyryL._SL1200_61RdVYGjHzL._SL1200_Il design è piuttosto serio ed essenziale, e questo mi piace molto. Nella confezione il pannnello è già montato e basta agganciarlo alla base.
Il corpo è interamente in plastica, ad eccezione della zona dei connettori.
La base ruota facilmente, ed ha dei gommini per tenerla ferma. Oltre ad essere regolabile nell’inclinazione, anche l’altezza è molto regolabile alzando e abbassando il pannello fissato all’asta sul retro; una caratteristica interessante inoltre è che il pannello può essere messo anche in verticale, o qualsiasi angolazione.

AOC_Q2770PQU851NFC3p5QXL._SL1200_I connettori si trovano nella parte inferiore, il che purtroppo rende visibili i cavi penzolanti (sull’asta è però presente un gancio per raccoglierli). Inoltre, il posizionamento delle porte USB non è stato molto furbo, poichè le due porte presenti nella parte inferiore sono pressochè inaccessibili (oltre ad essere molto vicine, rendendo quasi impossibile utilizzarle entrambe contemporaneamente), mentre le due laterali che sono più accessibili, sono comunque posizionate in modo che chiavette un po’ cicciotte non c’entrino. La presenza di queste porte comunque può essere utile per collegare una stampante se siamo a corto di USB sul retro del PC, o altre periferiche che non vengono mai scollegate. In futuro sarebbe più furbo metterle davanti o su un lato, o non metterle affatto.

Come vedete nell’immagine, inoltre, è presente un aggancio per una base fissa.

Software

Il firmware di questo monitor è semplicemente delizioso: semplice, funzionale, funzionante, completo. Perchè ho incluso funzionante? Perchè ho avuto 2 schermi Samsung in precedenza, ed entrambi sono stati mandati in RMA per malfunzionamenti del firmware.

L’OSD si controlla con i tasti nella parte inferiore dello schermo. Tra le opzioni troviamo luminosità, contrasto, regolazioni dei colori, tre preset per la gamma, contrasto dinamico (seriamente, disattivatelo), funzione “overdrive” (anche noto come trace free, riduce i tempi di risposta sacrificando la qualità dell’immagine, disattivatelo che non serve), regolazioni dei colori, e addirittura la lingua italiana. La navigazione è piuttosto semplice. Unica funzione a mio parere inutile è “PictureBoost”, in pratica un quadrato in cui è possibile impostare luminosità e contrasto più alti.

2014-11-26 12_46_20-Modifica articolo ‹ QWERTYmag — WordPress
Scaling su GPU (click per ingrandire)

Lo scaling, a differenza di altri monitor, funziona correttamente, ma come al solito non mantiene il rapporto d’aspetto, dunque è necessario farlo fare alla scheda video come nell’immagine a lato.

2014-11-24 14_56_36-Program Manager2014-11-24 14_54_47-Program ManagerInclusa nella confezione troviamo anche un CD contenente un profilo colore ICD da installare nel sistema, e alcuni software che sostanzialmente permettono di impostare lo schermo direttamente dal PC anzichè dall’OSD.

Il profilo ICD può essere installato su qualsiasi sistema operativo. Il software proprietario è solo per Windows, ma assolutamente opzionale.

Un plauso dunque ad AOC per il software completo e semplice.

Conclusioni

61ZsyLIz3aL._SL1200_Sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo monitor: è un vero piacere da guardare, e la risoluzione è piuttosto alta. In gioco poi da il meglio poichè i colori fanno risaltare ancora di più l’atmosfera.

Il prezzo di circa 400€ è sopra la media dei pannelli di questa dimensione, ma la qualità si nota!

Se siete comunque scettici ad affidarvi ad un’azienda poco conosciuta e con sede in Taiwan, sappiate che in caso di problemi, l’assistenza si trova a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Essendo capitale mondiale della musica hardcore, non mi stupirei se telefonandogli la musica di attesa fosse questa.

Attribuiamo dunque al monitor una valutazione di 4,5/5 stelle.

LASCIA UN COMMENTO