La virtualizzazione ci permette di avviare uno o più sistemi operativi (Windows, Linux, Mac) su un unico computer senza dover ricorrere al riavvio del pc per switchare da un os all’altro. Quello che facciamo è creare un “finto” computer all’interno del nostro sistema a cui dedicheremo una parte delle risorse di cui disponiamo. In questo modo avremo a disposizione un nuovo sistema operativo (chiamato guest) completamente isolato dal nostro (chiamato Host), dove potremo eseguire molti programmi, anche quelli più ambigui, senza che il nostro “host” risenta dei possibili danni.

Ma come si crea una macchina virtuale?

La soluzione piu comune e comoda si chiama VirtualBox. VirtualBox è un programma gratuito multipiattaforma  che permette di creare sul nostro sistema, macchine virtuali secondo le nostre esigenze. Queste macchine virtuali possono essere create e eliminate a nostra discrezione, con pochi click e pochi rischi. L’utilizzo è facile e immediato. Per scaricare VirtualBox cliccate sul seguente link: Download

Procediamo dunque all’installazione, che risulta molto semplice ed è riassumibile in questi passaggi:

  1. Scarichiamo il file dal link citato sopra 
  2. Doppio click su “virtualbox.4.X.X.exe” per far partire l’installazione
  3. Seguiamo i passi di installazione con calma: in questo caso andiamo avanti per terminare l’installazione.
  4. Si creerà un’icona sul desktop da cui avvieremo VBox.

Avviato VirtualBox, ci troveremo davanti a questa interfaccia:

Immagine

In alto subito noteremo il pulsante “Nuova” che ci permetterà di creare appunto una nuova macchina virtuale. Clicchiamoci.

Inseriamo un nome a piacere per la macchina virtuale e selezioniamo il tipo di sistema operativo che vogliamo installare. Clicchiamo Avanti.

Immagine1

Ci verrà chiesto di dedicare parte della nostra Memoria RAM per far funzionare la macchina virtuale. Concedetene quanto potete, lasciando comunque 1/2GB per il sistema Host.

Immagine2

Creata la macchina virtuale VBox ci chiederà di creare il Disco Virtuale su cui andrà installato il sistema operativo del Guest.

Immagine3

Ci viene richiesto di selezionare il formato del Disco Virtuale, di solito uso vmdk , riconosciuto da VirtualBox e VMWare (un altro programma popolare di gestione macchine virtuali,usato in ambito commerciale).

Immagine4

Possiamo riempire l’hdd gradualmente (allocazione dinamica)o dare una dimensione fissa (consigliato). 10Gb sono sufficienti per un normale utilizzo.

Immagine5

Immagine7

Siamo giunti alla fine: la nostra prima macchina virtuale è stata creata e finalemente possiamo avviare l’installazione del sistema operativo.

Immagine8

Per installare il SO abbiamo bisogno di un immagine disco montata all’interno del lettore CD virtuale.

Per fare ciò, cliccate sul pulsante Impostazioni, spostiamoci sulla colonnina “Archiviazione” e scegliere l’immagine disco in formato .iso contenente il necessario per installare l’OS Guest.

Immagine9

 

Ora è tutto pronto per l’installazione e l’avvio della macchina virtuale. Se volete provare ad installare un sistema diverso da Windows la procedura è sempre la stessa: basta cambiare  il S.O. del Guest all’inizio della creazione della macchina virtuale e scaricare l’ISO appropriata.

 

LASCIA UN COMMENTO