QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

1.500 pesci morti e mezzo hotel sono stati distrutti dopo l’esplosione di un enorme acquario, ma a Berlino è stata risparmiata una tragedia ancora più grande

Un gigantesco acquario è esploso nella hall di un hotel a Berlino venerdì mattina. Un milione di litri d’acqua scorrevano attraverso l’hotel in strada e 1.500 pesci non sopravvivevano. Fortunatamente solo due persone sono rimaste ferite, ma poteva andare molto peggio. Non c’è ancora una motivazione ufficiale, ma nonostante i lavori di restauro si parla di “stanchezza fisica”.

Sofia Geosensfonte: FAZ, Der Spiegel, Berliner Zeitung, rbb24, S’ddeutsche Zeitung

I vigili del fuoco di Berlino hanno ricevuto un segnale di soccorso automatico alle 5:43. È successo qualcosa al Radisson Collection Hotel accanto al famoso Berliner Dom. Secondo testimoni oculari, contemporaneamente si è sentito un forte botto. Pochi secondi dopo, un milione di litri d’acqua si sono riversati sul pavimento dell’hotel e sulle strade. È successo l’inimmaginabile. Il gigantesco acquario nell’atrio è esploso. Il piano terra dell’hotel è stato lasciato come campo di battaglia. I 1.500 pesci nella vasca alta sedici metri non sopravvissero all’impatto e si dispersero tra i pezzi. I mobili sono stati distrutti, l’elettricità è stata interrotta e parti della facciata sono state trascinate in strada dall’enorme pressione dell’acqua. Nel sito, le stazioni di misurazione hanno misurato un terremoto molto piccolo.

Molti dei circa trecento ospiti dell’hotel inizialmente non si erano resi conto di cosa fosse successo esattamente fuori dalla porta della loro stanza. Hanno sentito un botto, ma non di più. Alcuni pensavano che fosse un tuono fino a quando i vigili del fuoco non li hanno sollevati dal letto. C’erano poliziotti e vigili del fuoco ovunque. “L’intero edificio puzzava di pesce”, ha detto al Guardian la musicista Eva Yudinsky. Zeitung Berlino.

READ  La polizia perquisisce furgone bianco dopo la sparatoria a Los Angeles: "Corpo senza vita in macchina, probabile colpevole"

(Leggi di più sotto le foto)

La forza dell’acqua ha spinto fuori molti mobili. ©Reuters

Pesce appena sdraiato per strada. © Afp

La rovina è enorme.

Venerdì, vigili del fuoco e cani poliziotto hanno cercato possibili vittime tra la devastazione. Alla fine due persone sono dovute andare in ospedale per cure a causa delle schegge di vetro. Ma poteva andare molto peggio. Se ciò fosse accaduto nel corso della giornata, ci sarebbero stati molti più morti. Lo dice Franziska Giffe, il sindaco di Berlino in reazione alla rivista tedesca donna. Il sindaco parla di un caso fortunato. “Questa è una devastazione inimmaginabile. È come dopo uno tsunami”.

Non una piccola crepa

L’acquario, ufficialmente chiamato AquaDom, è stato aperto a Berlino nel 2003 dopo che un’azienda americana lo ha sollevato dal tetto durante la costruzione dell’hotel. Con i suoi 16 metri di altezza e 11,5 metri di diametro, sarebbe stato “il più grande acquario cilindrico autoportante del mondo”. Il vetro acrilico aveva uno spessore di circa 20 cm e poteva avere un peso totale di 2.000 tonnellate. Poiché al centro del bacino c’è un ascensore di vetro, il costo della complessa struttura ha raggiunto i milioni.

(Leggi di più sotto le foto)

Acquario all’inizio di quest’anno. ©AP

© Afp

Dopo venerdì mattina, di questo acquario non sarebbe rimasto più niente. “Se l’acquario si rompe, esplode improvvisamente”, ha detto un portavoce dei vigili del fuoco. donna. “Questa non è una piccola fessura da cui esce l’acqua.” Non è ancora nota la causa ufficiale dell’incidente. Secondo Iris Spranger, del ministero dell’Interno al Senato di Berlino, le prime indicazioni sono di “esaurimento fisico”. La polizia non sospetta un gioco scorretto. Secondo i media tedeschi, l’AquaDom avrebbe subito una ristrutturazione nel 2020. I vigili del fuoco hanno scoperto delle crepe nelle pareti e nei soffitti dell’hotel, ma non è chiaro se fossero lì prima che l’acquario esplodesse.

©Reuters

©Reuters