QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

100 paesi si impegnano a porre fine alla deforestazione entro il 2030 | ambiente

I paesi partecipanti comprendono l’85% delle foreste mondiali, comprese le foreste boreali del Canada, le foreste pluviali amazzoniche del Brasile e le foreste pluviali del bacino del Congo. Copre un’area di circa 34 milioni di chilometri quadrati. Il primo ministro britannico Boris Johnson, che ospiterà la conferenza sul clima COP26, ha descritto l’accordo come una “pietra miliare per la protezione e il ripristino delle foreste della Terra”. Un’area di circa 27 campi da calcio è ormai persa a causa della deforestazione ogni minuto.

L’iniziativa riceverà un totale di 19,2 miliardi di dollari (16,5 miliardi di euro) di finanziamenti pubblici e privati. E anche 30 istituzioni finanziarie, come Aviva e Axa, si impegneranno a smettere di investire in attività legate alla deforestazione.

Questo nuovo impegno riflette la Dichiarazione di New York sulle foreste del 2014, quando 40 paesi si sono impegnati a dimezzare la deforestazione entro il 2020 e a porre fine alla pratica entro il 2030. Tuttavia, l’accordo raggiunto ora è più completo di quello precedente.

Si dice anche che le foreste siano i polmoni della terra, assorbono gran parte dell’anidride carbonica. Secondo il primo ministro britannico Johnson, ospite della COP26, è quindi necessario prevenire un aumento della temperatura globale di oltre 1,5 gradi.

READ  Il braccio destro e in seguito il più grande critico del leader sovietico Gorb ...