QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

14 morti in un attacco armato in Perù, nella regione in cui si coltiva la coca | all’estero

L’uccisione potrebbe aumentare le tensioni nella campagna polarizzante per le elezioni presidenziali del 6 giugno. La candidata populista di destra Keiko Fujimori accusa il suo rivale di sinistra radicale, Pedro Castillo, di avere legami con l’ala politica del partito “Shining Path”, cosa che nega con veemenza.

I quattordici abitanti del villaggio sono stati uccisi nel villaggio di San Miguel del Eni, nella valle dei fiumi Apurimac, Eni e Mantaro (nel Perù centro-meridionale), la più importante regione di coltivazione della coca del Perù. Lo Shining Path Government, un gruppo ribelle comunista che ha combattuto l’esercito peruviano tra il 1980 e il 2000 e ha ucciso migliaia di vittime, è ancora attivo nella regione. Sebbene quasi tutti i leader del Sentiero Luminoso siano ora dietro le sbarre, solo un piccolo numero di guerrieri è ancora sparso nelle foreste isolate e nelle regioni montuose.

Le autorità stimano il loro numero a 350 e le accusano di collaborare con i trafficanti di droga.
L’accusa ha nominato un’unità terroristica specializzata per indagare sugli omicidi. Il ministro della Difesa Nuria Sparch ha promesso che “non resteranno impuniti”.
Il Perù è uno dei maggiori produttori di coca e cocaina al mondo, insieme a Colombia e Bolivia.

READ  La Casa Bianca: rifiuto cinese delle indagini di follow-up del virus Corona