QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

16 giovani di Anversa Casso sono ricoverati in Italia per intossicazione alimentare

© Shutterstock

Sedici membri del campo di Antwerp Kaso sono stati portati in un ospedale in Italia dopo essersi ammalati in un ristorante a Bergamo, Lombardia, Italia. Lo riferiscono i media locali italiani. Non avevano mangiato nulla in un ristorante di Bergamo e avevano contratto un’intossicazione alimentare da un pasto precedente. Non si sa esattamente da dove provenga il veleno. “In ogni caso seguirà una valutazione approfondita”, afferma il direttore generale di Kazou, Kristien Van Mechelen.

MkFonte: Il Giorno, Prima Bergamo, copertura propria

Per alcuni dei giovani che viaggiavano con Camp Kadou, la loro ultima serata si è conclusa in modo negativo. Un gruppo di una trentina di ragazzi tra i 13 e i 14 anni e i loro accompagnatori hanno voluto accomodarsi in un ristorante a Bergamo domenica sera, quando alcuni membri si sono ammalati e hanno vomitato. “Il proprietario del ristorante e il nostro supervisore principale hanno deciso di chiamare i servizi di emergenza”, afferma van Mechelen.

Cinque ambulanze, polizia e vigili del fuoco hanno corso per le stradine della città provocando una frenesia tra i turisti. “Tredici bambini e tre osservatori sono stati portati in un ospedale della zona”, ha detto van Mechelen. “Anche i genitori dei bambini sono stati chiamati quella sera e informati”.

Avvelenamento del cibo

Il personale medico ha subito sospettato un’intossicazione alimentare, il che era strano perché i giovani non avevano mai mangiato nulla al ristorante. Ma il mistero è stato presto risolto. Durante il viaggio in autobus da Monza a Bergamo, alcuni membri hanno riferito di non sentirsi bene. Ma, secondo van Mechelen, non è chiaro da dove abbiano avuto l’intossicazione alimentare.

In ogni caso, la situazione a Kazou è sempre monitorata da vicino. “Ogni piccolo incidente è monitorato. I supervisori possono chiamare le nostre linee permanenti locali in qualsiasi momento. Tutte le regioni sono attentamente monitorate”, afferma van Mechelen. “Non importa cosa, c’è una valutazione approfondita dopo ogni vacanza. È rigorosamente seguito. In ogni caso valuteremo con il centro e i ristoranti di competenza.

Van Mechelen dice che i bambini sono principalmente stanchi. “Il peggio è chiaramente passato. Domani andranno in Belgio. Il camp non viene cancellato in anticipo e oggi è l’ultimo giorno del camp.

READ  L'Italia rafforza le operazioni Corona: ristoranti e bar hanno bisogno di un pass Corona per un tavolo all'estero