Home » NEWS » Apple garantisce paga massima ai tecnici per interventi in emergenza coronavirus

Apple garantisce paga massima ai tecnici per interventi in emergenza coronavirus

I tecnici autorizzati Apple avranno lo stipendio pieno per i mesi di marzo e aprile, quelli che più saranno condizionati dall’emergenza coronavirus, Apple garantirà i pagamenti massimi a tutti quelli che eseguiranno riparazioni qualificate nel periodo in questione.

Secondo quanto trapelato in rete in questo periodo speciale la multinazionale non terrà conto dei parametri con cui vengono normalmente valutate le prestazioni dei singoli tecnici, pagando il massimo a ciascuno di essi. A quanto ammontino i salari massimi chiaramente non è dato saperlo ma è chiaro che, come accade in molte altre aziende, Apple prevede bonus a chi ottiene i punteggi più alti per quanto riguarda le valutazioni ottenute dal punto di vista della soddisfazione del cliente, della velocità e dell’efficacia dell’intervento e altri parametri ancora.

Con questa decisione la società si prende perciò carico di come andranno le riparazioni da qui alla fine del prossimo mese e, indipendentemente da ciò, assicurerà ai propri tecnici il supporto finanziario in questo difficile momento di pandemia globale. Nella nota interna diramata ai vari centri di riparazione autorizzati, captata da MacRumors, Apple scrive di essere vicina ai propri tecnici, supportandoli ed incoraggiandoli a riflettere sulla sicurezza sul lavoro e prendere le dovute precauzioni in materia di contenimento dell’epidemia COVID-19.

D’altronde la stessa Apple, proprio nei giorni scorsi, ha riaperto i negozi in Cina chiudendo invece tutti gli Apple Store dislocati negli altri paesi colpiti dall’emergenza coronavirus fino al 27 marzo. La multinazionale di Cupertino inoltre al momento ha donato 15 milioni di dollari per aiuti e sostegno a livello globale ed ha predisposto il telelavoro per tutti i propri dipendenti che, in base alle diverse mansioni, sono nelle condizioni di poter proseguire l’attività da casa.

Fonte: Macitynet.it