QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

3M emette molti più gas serra di quanti anni pensassero: “Sono rimasto sbalordito dalle conseguenze delle segnalazioni” | Ambiente

Per anni, l’azienda chimica 3M di Zwijndrecht ha rilasciato molti più gas serra del previsto. Lo ha confermato in Parlamento il ministro dell’Ambiente Zakia El Khattabi (Echolo). Inoltre, poiché le emissioni sono state finalmente adeguate nel 2017, più inquinamento potrebbe intervenire nel prossimo decennio. Dopotutto, gli obiettivi di riduzione delle emissioni europei sono calcolati sulla base delle emissioni del periodo precedente. “Non è una sorpresa che io sia sbalordito dalle conseguenze di tali rapporti”, ha detto Al-Khattabi.




Il sito di notizie Apache ha suonato il campanello il mese scorso: la filiale 3M della multinazionale chimica statunitense a Zuigendrecht – responsabile dell’inquinamento con PFOS quasi non degradabili all’interno e intorno al suo sito – rilascia da anni grandi quantità di HFC-23, che è il Il cosiddetto gas fluorurato contenente fluoro è noto come gas serra pesante. Inoltre, queste emissioni sono state significativamente sottostimate per anni, quindi le emissioni da segnalare per l’Europa sono state improvvisamente riviste al rialzo bruscamente nel 2017.

Al-Khattabi ha confermato la storia oggi alla Commissione della Camera per l’Energia, l’Ambiente e il Clima, dove ha ricevuto una domanda al riguardo da Kim Poist (Gruen). Il Segretario ha chiesto alla sua amministrazione di condurre un’analisi in risposta ai rapporti sulle emissioni di 3M. Ho deciso che le emissioni di gas serra dell’azienda dovrebbero essere adeguate. Secondo la mia lettera, l’azienda ha emesso 1,4 milioni di tonnellate di CO2 equivalente nel 2019, ovvero più di un terzo di tutte le emissioni di gas fluorurati in Belgio.

Il distretto competente fiammingo

READ  Nonostante i guai, Johnson & Johnson continua a vaccinare: un nuovo record la prossima settimana di 607.000 iniezioni nelle Fiandre interne

Al-Khattabi ha osservato che tali emissioni sono solitamente fuori dai radar: poche aziende emettono più di un milione di tonnellate di gas serra in Belgio. Ciò riguarda, ad esempio, alcune raffinerie e aziende petrolchimiche. Tuttavia, tutti questi principali inquinatori rientrano nel sistema europeo di scambio di quote di emissione (ETS), il che significa che le loro emissioni sono riportate annualmente. Il mio intervento dice che non è così per 3M: qui la regione fiamminga è competente e applica obiettivi europei vincolanti per ridurre le emissioni.

Il ministro ha anche preso atto del trascorrere del tempo nel fascicolo. Dopotutto, i rapporti di inventario già dal 2015 hanno affermato che le emissioni di gas fluorurati di 3M potrebbero essere sottostimate, ma tale sospetto sarà confermato solo dalle misurazioni nel 2020. Successivamente, tutte le emissioni di gas fluorurati di 3M saranno riviste, ha affermato Al-Khattabi. Dal 2005 al 2017 in poi.

Maggiori emissioni possibili

Tali ricalcoli sono consentiti dalle norme internazionali ed europee, ma l’effetto è che i settori non ETS possono emettere di più nel periodo 2021-2030. Questo perché il cosiddetto permesso di emissione in quel periodo è calcolato sulla base, tra l’altro, delle emissioni medie dal 2016 al 2018: adeguando in modo significativo le emissioni, si libera più spazio per le emissioni.

Secondo l’amministrazione del ministro, ciò include da 6,5 ​​a 6,8 milioni di tonnellate di CO2-eq aggiuntive nei prossimi nove anni. Inoltre, per calcolare le emissioni di gas serra per il periodo 2013-2017 sono stati utilizzati dati relativi alle emissioni ben al di sotto di 3M. Di conseguenza, la regione fiamminga non ha dovuto rinunciare ai diritti di emissione per circa 5 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra.

READ  Bitcoin e criptovalute non sono altro che una minaccia "limitata" alla stabilità finanziaria, afferma la Banca centrale europea (BCE) »Crypto Insiders

“Equivalente alle emissioni dell’intera flotta belga di veicoli”

“Non mi sorprende che le attuali regole per la segnalazione delle emissioni di gas serra me lo consentano”, ha detto Al-Khattabi. Secondo il ministro, tutto questo si traduce in ulteriori 11 milioni di tonnellate di CO2-eq. “Ciò corrisponde alle emissioni di quasi l’intera flotta belga di veicoli in un anno”.

Infine, Khattabi incolpa i suoi colleghi fiamminghi per la mancanza di ambizione di evitare nuove contaminazioni con PFAS in futuro. “Sostengo il principio che chi inquina deve pagare, ma in casi come questo la compensazione monetaria non può restituire l’irreparabile”, ha detto. “Insieme ai miei colleghi Valloni e Bruxelles e al ministro della Sanità Frank Vandenbroek, continuerò a insistere su una politica preventiva per prevenire tali disastri”.

“Contabilità Creativa”

Il rappresentante dei Verdi Kim Buyst ritiene “ingiustificabile che una contaminazione così grande sia stata segnalata da 3M solo così tardi”. “Ovviamente questo è consentito in Europa, ma non dovremmo essere sciocchi su questo: tali buchi nel sistema erodono gli obiettivi climatici”, afferma. Inoltre, Buyst trova sorprendente che il ricalcolo sia appena avvenuto nell’anno in cui è stata calcolata la quota di emissione per il 2021-2030. Conclude: “Si potrebbe dire che le Fiandre hanno affrontato la contabilizzazione dei gas serra in modo creativo”.

“Tutti puliscono alla loro porta”

In risposta, il ministro dell’Ambiente fiammingo Saturn Demir (N-VA) ha osservato che “la signora Khattabi ha iniziato a parlare di PFOS dopo che le Fiandre ne hanno fatto una priorità”. Secondo Demir, è necessaria una “politica decisiva” intorno al PFAS, ma dice che non consente al mio discorso di interferire strettamente con le autorità fiamminghe. “Condivisione delle conoscenze e collaborazione, ove possibile, naturalmente”, aggiunge.

READ  La famiglia De Clerck ha una vista di 200 milioni

Demir ha anche affermato che la domanda su quali azioni avrebbe intrapreso il governo federale, ad eccezione del ministro della Sanità Frank Vandenbroek, è rimasta senza risposta. “Tutti dovrebbero pulire davanti alla propria porta. Le Fiandre sono l’unica regione del paese che dispone di un piano d’azione PFAS, che ora viene accelerato in questo settore”, conclude il ministro fiammingo.