QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

5 domande sul futuro di Macron, Le Pen, Francia ed Europa dopo il primo turno delle elezioni presidenziali francesi

1. Come è stato ridisegnato il panorama politico in Francia?

Al secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, riprenderemo la lotta di due anni fa? A prima vista sembra di sì, perché entrambi sono capi Emanuele Macron Liberali di sinistra La Repubblica sulle Marche Se Marine Le Pen dalla destra radicale Assemblea nazionale Chi è sopravvissuto al primo round di ieri. Anche se sembrava che fosse tarda notte Jean-Luc Melenchon dalla sinistra radicale La Francia Insomes Le Pen stava passando.

Sebbene i sondaggi di opinione prevedessero una gara tra Macron e Le Pen, Emmanuel Macron lo era 27,84 per cento È uscito al primo turno come il chiaro vincitore. Marine Le Pen è seconda con una differenza 23,15 per centoma è inseguito da Jean-Luc Melenchon, che 21,95 per cento Entra.

estrema destra Eric Zemmourche ha elogiato i sondaggi di qualche mese fa, dovrebbe accontentarsi 7,07 per cento† Gli altri candidati sono rimasti sotto il 5 per cento, compreso il centrodestra Valeria Pecres4,78 per cento), il mondo dell’ambiente Yannick Gadot4,63 per cento) e socialista Anna Hidalgo1,75 per cento

Nel complesso, Macron ottiene il punteggio migliore nell’ovest e nel centro del paese, mentre Le Pen si comporta particolarmente bene nelle sue roccaforti tradizionali nel nord e nel sud-est. Mélenchon, che ha attratto molti giovani, si trova in una posizione migliore in alcune città e nella maggior parte delle regioni periferiche.

2. Quali sono le carte di Macron e Le Pen al secondo turno?

Macron ha fatto bene al primo turno, ma anche Le Pen ha ottenuto più voti rispetto al 2017. “Questo perché Le Pen ha condotto una campagna molto dura e bene, è vicino alle persone e ha un volto sociale”, secondo l’analisi televisiva , collega Stephen Decren.

GUARDA – Stephen Decren pesa le quote di Emmanuel Macron e Marine Le Pen in “The News”:

Durante la campagna si trattava spesso di perdere potere d’acquisto. Secondo Decherin, Le Pen era molto vicino al francese medio scommettendo su quel potere d’acquisto. “A differenza del presidente Macron, che ha avuto molto da affrontare nell’Europa orientale come presidente della Francia, ed è stato spesso assente dalla presidenza dell’UE”.

Si potrebbe dire che Emmanuel Macron ha vinto una battaglia, ma non ancora la guerra

L’esperto francese Stephen Decren

A molti francesi oggi, Le Pen sembra più accettabile come presidente. Ha una foto cattiva del suo ex padre Jean Marie Le Pen Si alzò e lo portò in nome di dat femminileSignora di Stato. Ieri sera, ha invitato tutti i francesi “di tutte le origini” a stare dietro di lei.

Jean Marie Le Pen


AFP o licenziatari

Stephen Decren riassume: “Si potrebbe dire che Macron ha vinto una battaglia, ma non ancora la guerra”. Ieri sera il presidente ha chiamato tutti coloro che “volevano lavorare per la Francia” e ha detto di voler trovare “qualcosa di nuovo” che unisse tutte le convinzioni.

Per il secondo turno, Le Pen potrebbe contare sugli elettori di Zemmour, mentre Melenchon ha solo esortato i suoi elettori a non votare per Le Pen e non ha comunque aggiunto esplicitamente di votare per Macron. Potrebbe significare che alcuni di loro voteranno per Le Pen, dopotutto, per protestare contro le politiche di Macron.

3. Cosa resta dei partiti tradizionali?

I tradizionali partiti di potere non sono più coinvolti. Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo deve candidarsi al Partito socialista con un misero 1,75%. Dieci anni fa, lo stesso PS è stato consegnato con Francois Olanda Presidente e Presidenza socialista Francois Mitterrand Suona come una cosa per i libri di storia di oggi.

Francois Olanda


LP / Olivier Corsan

Sulla destra, le cose non stanno migliorando, con un deludente 4,78% per Valérie Pécresse di Les Républicains. Giorni di gloria degli ex presidenti Charles de GaulleJacques Chirac E Nicolas Sarkozy Sembra decisamente un ricordo del passato.

Per il resto, i Verdi sembrano incapaci di prendere piede in Francia. Yannick Gadot Dall’Europa Ecology – Les Verts si è arenata ieri al 4,63%.

4. La Francia trema a destra (ea sinistra)?

Notevole dopo il primo turno di ieri: più della metà di chi ha votato ha scelto un partito anti-regime. Se si sommano i punteggi di Le Pen (23,15%), Mélenchon (21,95%) e Zemour (7,07%), si arriva a 52,17%

Personaggi e personalità sono più importanti che mai in politica

L’esperto francese Stephen Decren

Partiti come il Rassemblement nationale, La France insoumise o Reconquête sono talvolta chiamati estremisti e/o populisti. Ciò che è vero comunque è che sono contro il sistema politico esistente. A proposito, non sono quei partiti, ma le loro figure di spicco che se la cavano bene con l’elettore.

Jean-Luc Melenchon


foto/IP3press

Dickern ritiene che “le personalità e le personalità siano più importanti che mai in politica”. Si prevede che un certo numero di elettori di Melenchon-Le Pen sceglieranno al secondo turno. “Molti giovani dicono che il presidente Macron è arrogante e non può accontentarli”.

Il secondo turno sarà un voto contrario? Non è inconcepibile che molti elettori dai denti lunghi votino per Macron perché vogliono impedire a Le Pen di salire al potere, mentre altri elettori voteranno solo per Le Pen per punire le politiche di Macron.

5. Cosa significa per l’Europa l’esito di queste elezioni?

A Macron piace presentarsi come il campione d’Europa. Dopo la sua vittoria cinque anni fa, è apparso sulle note di un inno europeo. Anche oggi il presidente francese resta impegnato nel sindacato, dove dopo l’addio del cancelliere tedesco, Angela Merkel Come unico leader forte ha lasciato.

Guarda – Emmanuel Macron è entrato in carica come presidente sulle note dell’inno europeo dopo aver vinto le elezioni del 2017:

Combatteremo per l’Europa

Il presidente francese Emmanuel Macron

Quando si parla di Europa, Le Pen sembra meno entusiasta. Sebbene oggi non parli più a favore di un vero “Frexit” e di un’uscita dall’euro, si mostra a favore di un’“Europa degli Stati”, dove gli interessi dello Stato-nazione prevalgono su quelli dell’Europa.

“Dovremmo scegliere una società liberale globalizzata o una società conservatrice nazionalista?” Questa è la domanda, dice Deckerin.

“Lotteremo per l’Europa”, ha detto Macron a VRT NWS ieri. In ogni caso, il presidente francese apparirà principalmente in Francia per le prossime due settimane, cercando di conquistare più elettori possibili. Oggi era già nel nord del Paese, dove Le Pen ha molto sostegno.

Angela Merkel ed Emmanuel Macron


Foto Immagini / IP3press

READ  Settanta membri della mafia italiana sono stati condannati al massimo grado...