QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

50 miliardi di metri cubi di gas americano all’anno entro il 2030




Gli Stati Uniti forniranno all’Europa almeno altri 15 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto quest’anno. E entro il 2030 lo contano fino a 50 miliardi, come ha promesso il presidente Joe Biden a Bruxelles.



In una conferenza stampa congiunta, Joe Biden ha ringraziato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen per la sua leadership, rivolgendosi a lui “Caro Joe”. Venerdì mattina, ha detto, la guerra ha avvicinato gli Stati Uniti all’Europa e viceversa.

Il presidente degli Stati Uniti ha promesso di consegnare quest’anno altri 15 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto (gas naturale liquido), oltre ai 22 miliardi di metri cubi che già fornisce annualmente. Entro il 2030, dovrebbero essere altri 50 miliardi di metri cubi all’anno.

Le forniture aggiuntive degli Stati Uniti fanno parte di una più ampia partnership per ridurre rapidamente la dipendenza dell’Europa dal gas russo. “L’impegno degli Stati Uniti di fornire all’Europa altri 15 miliardi di metri cubi di GNL quest’anno è un grande passo in quella direzione, per sostituire le forniture che riceviamo dalla Russia”, ha affermato von der Leyen.

155 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia

Von der Leyen osserva che un terzo del gas russo destinato all’Europa viene sostituito dal gas americano. “Siamo sulla strada giusta per diversificare dal gas russo ad amici e partner fidati”, ha affermato il presidente della commissione.

L’Europa importa circa 155 miliardi di metri cubi all’anno dalla Russia, ovvero il 40% delle importazioni totali. La dipendenza varia da paese a paese, ma dall’invasione russa dell’Ucraina, tutti gli Stati membri dell’UE si sono impegnati a sbarazzarsi del gas russo il più rapidamente possibile. Dopotutto, la vendita di gas e petrolio è la principale fonte di reddito per il Cremlino. La Commissione intende già ridurre di due terzi la dipendenza quest’anno e ha l’ambizione di separare completamente l’Europa dal rubinetto russo del gas entro il 2027.

READ  Il servizio sanitario degli Stati Uniti ha bisogno di ulteriori informazioni per ...

il gas solido

‘meConosco la magistratura Biden ha affermato che il gas russo avrà un costo per l’Europa, ma che questa non è solo la mossa giusta dal punto di vista morale, ma ci darà anche una base strategica molto più forte. Parla di un passaggio su larga scala al riscaldamento basato sull’elettricità e di un allontanamento globale dai combustibili fossili. Biden e von der Leyen hanno entrambi parlato di un “cambiamento verde”.

L’infrastruttura per l’utilizzo del gas può essere successivamente utilizzata per alternative ecocompatibili, come l’idrogeno. Va notato che gran parte del gas proveniente dall’America è gas di scisto, non esattamente il modo più ecologico per estrarre il gas.

Nuovo accordo sulla privacy

In linea di principio è stato raggiunto anche un nuovo accordo sul trasferimento dei dati personali. “Questo quadro sottolinea il nostro impegno condiviso per la privacy, la protezione dei dati e lo stato di diritto”, ha affermato Biden. Secondo von der Leyen, l’accordo consentirà ancora una volta “flussi di dati prevedibili e affidabili” tra l’UE e gli Stati Uniti e “garantirà la protezione della privacy e delle libertà civili”. Nessuna delle parti ha ancora fornito i dettagli dell’accordo in linea di principio.

Gli Stati Uniti e l’UE hanno dovuto cercare un nuovo accordo dopo che la Corte di giustizia europea ha dichiarato non valido l’accordo di condivisione dei dati all’epoca nel luglio 2020. Secondo la corte, il cosiddetto Privacy Shield non ha fornito garanzie sufficienti per proteggere il privacy dei cittadini europei. I giudici europei hanno principalmente criticato l’accesso a lungo raggio dei servizi di intelligence statunitensi ai dati personali europei.

READ  La Cina insegue Bitcoin (BTC) fuori dalla tenda, ma alle criptovalute non interessa affatto » Crypto Insider

Una nuova versione dell’accordo fallito

Secondo il presidente Biden, la reintroduzione di un quadro di trasmissione dei dati solido e sostenibile contribuirà a rafforzare i legami economici con l’Unione europea di oltre 7 miliardi di dollari.

L’organizzazione europea Business Europe parla di “un grande segnale per le imprese e il mondo in generale”. L’attivista austriaco per la privacy Max Schrems ha reagito con meno entusiasmo. “Sembra che stiamo facendo un altro scudo per la privacy, soprattutto in un aspetto: la politica al di sopra della legge e dei diritti fondamentali”, ha scritto su Twitter. “Questo è già fallito due volte. Quello che sentiamo di nuovo è un approccio ‘misto’, ma nessuna riforma sostanziale da parte degli Stati Uniti. Aspettiamo la sceneggiatura, ma la mia prima ipotesi è che fallirà di nuovo”.