QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Abbiamo chiesto agli scienziati cosa farebbe la variabile omicron agli Stati Uniti

Per avere una buona idea di come la variante ommicron di COVID-19 si sta diffondendo negli Stati Uniti, dai un’occhiata all’oceano. Nel Regno Unito e Sudafrica – Due paesi in cui la variante omicron sta rapidamente diventando più dominante del delta, o è già diventata – I tassi di inquinamento sono in aumento, principalmente perché la variante è più trasferibile. Mentre le prove attuali suggeriscono che i pazienti con oomicron hanno meno probabilità di essere ricoverati in ospedale o di morire, i massicci tassi di infezione hanno messo a dura prova le infrastrutture di entrambi i paesi.

Ora che l’ommicron ha raggiunto le coste degli Stati Uniti, sembra che siamo nelle prime fasi di ciò che i suddetti paesi stanno vivendo in questo momento. in un New York City, la percentuale di persone risultate positive al test COVID-19 è raddoppiata in tre giorni questa settimana, con il consigliere comunale Bill de Blasio che attribuisce l’aumento a una variabile ommicron. Martedì durante un briefing per i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), i massimi funzionari sanitari federali hanno detto ai giornalisti che c’è stato un salto di sette volte nella prevalenza della variante dell’omicron nel corso di una settimana.

Sebbene l’aumento possa attenuarsi dopo la primavera, hanno aggiunto, se le tendenze attuali continueranno, potrebbe esserci anche una crisi di salute pubblica. Ciò sarà particolarmente vero se la variante delta continua a creare scompiglio e la pandemia influenzale aggrava il problema causato da alcuni ceppi di COVID-19. Il primo sta già accadendo e il secondo sta diventando sempre più accettato, almeno in base alla cronologia che gli scienziati hanno fissato per quando è probabile che la variabile ohmicron aumenti negli Stati Uniti.

“Sulla base dei dati provenienti dal Sud Africa e dall’Europa, possiamo aspettarci un aumento significativo del numero di casi qui negli Stati Uniti nelle prossime settimane”, ha affermato il dott. Stephen Goldstein, professore all’Eccles Institute for Human Genetics presso l’Università dello Utah, ha detto a Salon. per e-mail. “È possibile che il picco del numero di casi superi il picco dello scorso inverno”.

Medico. George Benjamin, direttore esecutivo dell’American Public Health Association, ha predetto che Omicron sarebbe diventata l’alternativa dominante negli Stati Uniti entro tre-sei mesi.

READ  L'efficacia del vaccino rimane alta: "Il vaccino boost ha ancora senso"

“Dipende dall’alto tasso di infezione, dal gran numero di persone non vaccinate e dal tasso di infezione improvviso di persone che sono completamente vaccinate ma non potenziate”, ha spiegato Benjamin per iscritto. “Le infezioni invasive si verificano in persone che sono completamente vaccinate e potenziate, ma a un ritmo più lento”.

Il problema di base è che la variabile ommicron è più portabile che mai. Quando si tratta di fermare una pandemia, poche cose gli epidemiologi temono più di un insetto altamente contagioso.

Medico. Russell Medford, capo del Center for Global Health Innovation e del Center for Global Health Crisis Coordination, ha detto a Salon via e-mail che si aspetta che la variante dell’omicron sia prevalente negli Stati Uniti, come lo è attualmente nel Regno Unito, perché “la variante dell’omicron è più trasferibile”. in gran parte dalla regione del delta.

ha detto il dottor. “Ora ci sono prove che gli omicroni sono meno gravi dei ceppi precedenti”, ha aggiunto Monica Gandy, MD, un medico di malattie infettive e professore di medicina presso l’Università della California, a San Francisco. Ha aggiunto che ciò che gli scienziati non sanno ancora è “se ciò sia dovuto all’aumento dell’immunità cellulare della popolazione nel dicembre 2021 rispetto a un tratto inerente al ceppo che lo rende meno virulento”.


Vuoi ricevere più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


Oltre alla trasmissibilità, la prossima grande preoccupazione per l’omicron è la questione della resistenza ai vaccini. Negli ultimi sei mesi, la prevalenza della variante delta è diminuita a causa del numero di americani vaccinati e, sebbene Delta abbia una scarsa resistenza ai vaccini, la maggior parte dei ricoveri e dei decessi negli Stati Uniti per COVID-19 sono stati tra i non vaccinati. Vaccinazione, spingendo il capo del CDC a posizione riga Una pandemia non vaccinata.

Tuttavia, Omicron potrebbe essere più resistente al vaccino rispetto a Delta, principalmente per motivi legati a: Spike- eiwitmutatiies. B.1.1.529 (il nome ufficiale della variante omicron) contiene 30 mutazioni vicino alla proteina spike, il che è particolarmente preoccupante perché i vaccini a mRNA che producono COVID-19 prendono di mira specificamente questa proteina. La proteina spinosa è costituita da spine che si estendono attorno al dominio centrale di SARS-CoV-2, come le spine di un riccio di mare. Il virus usa quelle protuberanze per entrare nelle cellule del corpo, come usare un’ascia per aprire una serratura, mentre i vaccini aiutano le cellule di un individuo a produrre proteine ​​come quelle sulle protuberanze contro le quali il sistema immunitario produce anticorpi. Se le mutazioni alterano abbastanza la proteina del picco, il sistema immunitario del corpo potrebbe essere meno abile nel riconoscere il virus perché è pronto a combattere un’altra versione del picco.

READ  Consorzi di ricerca interdisciplinari - Facoltà di Medicina e Scienze della Salute - Università di Gent

ha detto il dottor. William Haseltine, fondatore ed ex CEO di Human Genome Sciences e presidente del consiglio di amministrazione dell’organizzazione di ricerca sanitaria globale Access Health International. ha detto il salone. “Solo tre vaccini forniscono una protezione molto temporanea dopo tre mesi”.

William Haseltine, fondatore ed ex CEO di Human Genome Sciences e attuale presidente e CEO di Access Health International, ha osservato che i vaccini sono abili nel ridurre i ricoveri e la morte, forse aumentandoli di dieci volte, ma che “non li elimineranno”. Ha aggiunto che i vaccini “non proteggeranno i tuoi pazienti che non sono come te dagli effetti della malattia, che può essere molto pericolosa”. Questo perché il vaccino è difensivo, ha detto Haseltine: non impedisce al virus di entrare nel corpo, lo combatte una volta dentro.


Vuoi ricevere più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


Goldstein ha richiamato l’attenzione su un altro avvertimento sugli innegabili benefici dell’immunità preesistente (mediante vaccinazione o infezione).

“Anche se incoraggiato su base individuale, questo aumento imminente comporterebbe quasi certamente lesioni abbastanza gravi da sovraccaricare le risorse sanitarie già sovraccariche”, ha osservato Goldstein. “La doppia vaccinazione o l’infezione precedente, sebbene potenzialmente pericolose, non forniranno una protezione significativa contro l’infezione e la trasmissione di omicron. È essenziale che le persone vengano vaccinate e/o rafforzate il più rapidamente possibile per proteggersi da un’imminente epidemia di omicron”.

Medford sembrava più cautamente ottimista nella sua valutazione. Dopo aver scritto a Salon, sembra chiaro che la variante dell’omicron è “più resistente degli anticorpi neutralizzanti delta prodotti dai vaccini mRNA di prima linea, e ancor più con altri tipi di vaccini”, ha aggiunto, “Fortunatamente una terza dose di mRNA vaccino, o richiamo, corregge in gran parte questa resistenza al vaccino”. Ha affermato di ritenere che i vaccini a mRNA rimarranno probabilmente efficaci, “in particolare con una terza dose di richiamo”, quando si tratta di prevenire ricoveri e decessi per gravi infezioni da oomicroni, anche se ha aggiunto che ciò non è stato formalmente documentato.

READ  Il medico e il sessuologo sviluppa il monitor dell'erezione wireless

Quando si tratta delle implicazioni a lungo termine della variabile omicron in relazione alla pandemia di COVID-19, due esperti che hanno parlato con Salon hanno usato la stessa parola: “endemico”.

“Un’epidemia si sta spostando verso una fase in cui la malattia è epidemica”, ha detto Benjamin a Salon. “Ciò significa che ci saranno focolai occasionali che verranno gestiti attraverso sprint di contatto, quarantene individuali, chiusura mirata di attività o eventi e vaccinazione/rivaccinazione delle persone che ne hanno bisogno. Infine, quando la malattia diventa meno grave/letale, è possibile relax.”

Medford ha avuto un’osservazione simile.

“In futuro, le varianti di COVID-19 come l’omicron e altre diventeranno una caratteristica endemica di questa malattia, simile all’influenza stagionale”, spiega Medford. “I dati odierni con i vaccini attuali promettono che la vaccinazione completa (3 dosi) sia ancora efficace anche contro varianti virali nuove e strutturalmente diverse”.

Se il COVID-19 diventa davvero una pandemia, i responsabili politici potrebbero aver bisogno di pensarci. Guardando al futuro, Gandhi (che non ha usato la parola “endemico” nella sua e-mail) ha suggerito che potrebbe essere saggio per i funzionari della sanità pubblica basare le loro politiche sull’ospedalizzazione piuttosto che sull’infezione, perché la variante dell’omicron potrebbe portare ad un aumento dei casi lievi .

“Probabilmente avremo molti casi di Omicron in tutto il mondo, ma – data la ridotta gravità della malattia – l’impatto di questa variabile (e restrizioni come i mandati di mascherine e i limiti di capacità) dovrebbe dipendere dalle statistiche di ricovero per COVID-19, ” ha osservato. “Se la variante dell’omicron è trasmissibile ma causa una malattia meno grave, è probabile che si trovino individui non immunizzati, con conseguente aumento dell’immunità in questo gruppo e infettando ulteriormente gli individui vaccinati e migliorando la loro immunità, con conseguente aumento dell’immunità”. Spero che la calma porti alla vittoria dell’epidemia in tutto il mondo”.