QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Abd al-Salam è presente durante il processo e Karim no: l’udienza è sospesa | all’estero

Osama Karim, uno degli imputati nel processo del 13 novembre 2015, oggi non è in aula. La corte è stata costretta a continuare a interrogarla, quindi la sessione è stata aggiornata. Il principale imputato, Salah Abdeslam, ha già firmato.




BFMTV ha riferito che lo svedese Osama Karim è accusato di aver contribuito alla fabbricazione delle cinture esplosive utilizzate negli attacchi. Ha rifiutato di comparire in tribunale dalla fine di novembre per protestare contro il fatto che gli agenti di polizia belgi hanno testimoniato in video e in forma anonima. Quindi abbiamo dovuto aspettare e vedere se si sarebbe presentato oggi.

Il presidente del tribunale aveva nominato un verbale per consegnare la citazione. L’udienza è stata aggiornata poco dopo la sua ripresa alle 12:55.

Nonostante il mandato di comparizione, Karim ha rifiutato di comparire in tribunale. Il presidente Jean-Louis Perrier ha avvertito che chiamerà la polizia per assicurarsi che Karim compaia in tribunale prima di chiedere alla polizia di deferire l’imputato.

L’avvocato di Karim ha dichiarato che il suo cliente aveva preso la decisione di non parlare più fino alla fine delle discussioni. Giovedì ha letto una lettera del suo cliente, in cui ha definito l’operazione una “illusione”. “Quando ho visto come stavano andando le discussioni, ho perso la speranza. Nessuno è qui per capire cosa è successo e ottenere risposte. Sento che stiamo tutti fingendo”, ha scritto. “Non credo che oggi il fatto della mia venuta cambierà qualsiasi cosa. Per questo ho deciso di non esprimermi più”.

Le condizioni di salute di Abdeslam

READ  Gli Stati Uniti hanno una nuova vacanza

Presente Salah Abdel Salam, risultato positivo al Coronavirus a fine dicembre. Dall’esperienza iniziale, ha detto l’avvocato, ricordiamo che Abdus Salam è in grado di assistere al processo se viene sostenuto un test negativo e con un orario adeguato per i primi due giorni. Ma da allora, Abdel Salam ha nuovamente superato un test PCR positivo, tuttavia, l’esperto ha ritenuto che l’imputato fosse idoneo a comparire. “Questo è un cambiamento che scredita l’esperto”, ha detto la difesa, secondo BFMTV.

Quindi gli avvocati di Abdel Salam ritengono che l’udienza dovrebbe essere rinviata fino a quando non verrà effettuata una nuova valutazione, poiché l’imputato continua a mostrare “affaticamento” legato al Covid, oltre a “difficoltà respiratorie e tosse”. La sospensione è necessaria anche per evitare il rischio che Abdeslam contagi gli altri imputati. “Siamo in una scatola qui con un’altra scatola piena di persone e agenti di polizia”, ​​si lamenta l’avvocato.

La continuazione del processo è stata inizialmente rinviata al 13 gennaio a causa dell’infezione da Corona di Abdeslam, ma a causa delle nuove regole in Francia in materia di quarantena, si è deciso di continuare oggi.

Attacchi di Parigi

Abdeslam è l’unico sopravvissuto del gruppo terroristico dello Stato Islamico (IS) responsabile degli attentati che hanno ucciso 130 persone a Parigi il 13 novembre 2015. Non si è presentato in tribunale dal 25 novembre ed è risultato positivo al coronavirus il 27 dicembre.

Abdeslam è detenuto nel carcere di Fleury-Mérouges, nella provincia francese dell’Essonne, il più grande carcere d’Europa, dove sono state recentemente identificate diverse fonti di infezione. È stato in grado di ricevere il suo avvocato in isolamento, poiché era in contatto quotidiano con le guardie.

READ  'Una bussola morale dal carattere irrefrenabile': il mondo reagisce malinconicamente alla morte di Desmond Tutu | all'estero

Il tribunale penale speciale processerà venti imputati fino alla fine di maggio, e quattordici di loro parteciperanno al processo. Sono sospettati di essere coinvolti, in varia misura, nella preparazione dei più micidiali attacchi jihadisti in Francia.