QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Addestramento sul gigantesco razzo lunare della NASA con un tocco olandese

Con le prove, la NASA si prepara a tornare sulla luna questo fine settimana. Questa primavera, un nuovo enorme razzo si dirigerà per la prima volta verso il nostro vicino più vicino. Poi a bordo non c’erano astronauti, ma tre bambole piene di sensori. Nella nuova navicella Orion e modulo di servizio europeo, con pannelli solari olandesi.

Uno prova bagnataLo chiamano. Esercitazioni NASA tra tre giorni conto alla rovescia Esattamente secondo il libro: il razzo sta facendo rifornimento, ma prima che i motori si accendano in un inferno di oltre 3000 gradi, la spina viene staccata.

Quindi i sistemi vengono prima sottoposti a un controllo finale completo prima che il razzo di 100 metri possa effettivamente raggiungere la luna. Ciò avverrà al più presto in primavera, ma potrebbe estendersi fino all’estate. Il programma è stato ritardato di anni a causa di problemi tecnici e della crisi del Corona.

In ogni caso, sarà una missione entusiasmante, assicura Philip Perth, direttore dell’Agenzia spaziale europea. Per conto dell’Agenzia spaziale europea, è il coordinatore del progetto per la parte europea della missione Artemis-1: l’European Service Module (ESM), che attualmente fornisce ossigeno, elettricità, acqua, calore e propulsione per deridere gli astronauti. “È la rinascita dell’architettura che serve per tornare sulla luna, un vecchio sogno che si avvera. Ma prima questi dispositivi devono dimostrare il loro valore”.

Durante il volo, anche i pannelli solari fabbricati a Leiden subiscono il proprio battesimo spaziale. La produzione di pannelli solari può sembrare un gioco da ragazzi, ma in questo caso è tutto diverso: