QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aggiornamento settimanale RIVM: 6 volte più positivi i test e il numero di riproduzioni sale a 2,17

Il numero di riproduzioni raggiunge 2,17, il più alto dal 24 febbraio 2020

Questo aumento è evidente in tutte le aree di sicurezza. Il numero di riproduzioni il 28 giugno sulla base di test corona positivi è più che raddoppiato ed è aumentato da 0,97 a 2,17”, secondo RIVM.

Aumento dei test positivi nei GGD

La percentuale di test positivi sulle strade di prova del Servizio Sanitario Comunale GGD è aumentata dal 4,5% al ​​13,4%. Nell’ultima settimana di calendario, 376.735 persone sono state testate per le strade del test GGD, il 142% in più rispetto alla scorsa settimana. Il numero di nuovi pazienti ricoverati con COVID-19 è salito a 60 (+11%) nuovi ricoveri, di cui 12 in terapia intensiva.

Test corona positivi

Il numero di test positivi ogni 100.000 residenti è salito a 301 (+502%) dai 50 della settimana precedente. Il numero di segnalazioni è aumentato in tutte le fasce d’età. L’aumento maggiore (+907%) è stato registrato nella fascia di età 18-24 anni, seguita dalla fascia di età 25-29 (+856%). A differenza della scorsa settimana, questa settimana abbiamo visto anche un aumento nelle altre fasce di età, dopo i giovani vediamo un aumento maggiore tra i trentenni (+347%), quarantenni (+229%) e cinquantenni (+285%).

Ulteriormente testato in tutte le fasce d’età

La scorsa settimana sono stati eseguiti più test in tutte le fasce di età, con l’aumento maggiore nella fascia di età 18-24 (+262%), seguita dalla fascia di età 25-29 (+191%). La percentuale di test positivi tra i 18 ei 24 anni nelle strade del test GGD è passata dal 10,5% al ​​25,3% nell’ultima settimana e dal 5,1% al 17,6% per quelli di età compresa tra 25 e 29 anni.

READ  Il virus del pipistrello selvatico è molto simile a SARS-CoV-2

Dove vengono acquisite la maggior parte delle infezioni?

Circa un terzo (28%) delle persone ha riferito la scorsa settimana, sospetta impostazione nota di infezione indicata da quelli testati. Nell’ultima settimana, la maggior parte delle infezioni da parte delle persone testate riguardava l’industria alimentare (37%), seguita dalla situazione domestica (28%), dalle visite a casa (16%), dalle feste (15%) e dal lavoro (7%). in In precedenza, la maggior parte delle persone è stata infettata a casa o durante una visita a casa. Tra le persone di età compresa tra 18 e 29 anni, la percentuale maggiore di infortuni nell’ultima settimana è stata correlata al cibo (37%), seguita da feste (17%), situazione domestica (15%), visite a casa (13%) e attività studenti (5%).

dai 30 ai 59 anni

Tra le persone di età compresa tra 30 e 59 anni, dove si è registrato anche un aumento delle segnalazioni da questa settimana, la percentuale maggiore di infezioni nell’ultima settimana era ancora correlata all’ambiente domestico (54%), seguita dalle visite a domicilio. (13%), ambiente di lavoro (11%), altro (7%), ristorazione (3%).

Anche i test corona sono positivi tra i vaccinatori

Sebbene siano stati realizzati circa 18 milioni di vaccini, molte persone non sono completamente vaccinate o non completamente vaccinate, quindi è importante attenersi alle misure. La vaccinazione contro la corona protegge la maggior parte delle persone da malattie gravi e riduce la possibilità della sua diffusione. Tuttavia, anche se sei stato vaccinato, c’è ancora la possibilità che tu venga infettato e poi passi l’infezione ad altri.

Due punture o due

Del numero totale di test positivi (59.097) segnalati dal 1 luglio ad oggi, 42.274 persone (72%) hanno lo stato vaccinale noto. Di queste segnalazioni in cui era noto lo stato di vaccinazione, 35.584 soggetti, ovvero l’84% delle segnalazioni, hanno riferito di non essere stati vaccinati al momento del test. 2.562 soggetti (6%) hanno riferito a GGD di aver ricevuto vaccinazioni complete al momento del test e 4.128 soggetti (10%) erano parzialmente vaccinati al momento del test.

READ  Influenza aviaria in un allevamento di pollame a Grouchermer: abbattuti 107.000 polli

età

Tra le segnalazioni di 20-29 anni, con il maggior numero di segnalazioni registrate a luglio, il 6% era completamente vaccinato e il 5% parzialmente vaccinato. Nelle segnalazioni di soggetti di età compresa tra 10 e 19 anni, il 2% era completamente vaccinato e il 3% parzialmente vaccinato.