QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aidsfonds in risposta alle osservazioni di Baudet: “L’HIV non discrimina” | interni

, infatti, l’AIDS non esiste, in linea di principio no, per gli eterosessuali bianchi. In realtà non succede”.




Aidsfonds non vuole rispondere direttamente ai commenti di Baudet: un portavoce dell’organizzazione afferma di aver “scelto consapevolmente di farlo”. “Vogliamo restare sui numeri”. Il fondo lo ha pubblicato oggi in un thread su Twitter sull’HIV. “L’HIV non discrimina”, dice, tra le altre cose.

“Non abbiamo un’opinione su Baudet né su Humberto. Ma abbiamo un’opinione sui 37 milioni di persone che vivono con l’HIV in tutto il mondo”, spiega il portavoce. Presentatore Humberto Tan ha risposto al pod di ieri sera In risposta ai suoi commenti: “Baudet ritiene necessario minimizzare tutta questa sofferenza e versarla in una salsa razzista e anti-gay”.

seminare paura

Baudette ha descritto la paura dell’AIDS negli uomini bianchi come “irrazionale” e “ci hanno parlato dalle grandi compagnie farmaceutiche e dall’intera industria della paura”. Ha fatto un confronto con Corona. Secondo il leader dell’FVD, sia l’AIDS che il Corona “rappresentano un pericolo per un certo gruppo, mentre i media e il cartello del partito danno l’impressione che l’intera popolazione sia sempre in pericolo di vita”, ha spiegato in un tweet in seguito.


“Il mio punto era che negli anni ’90, gli europei eterosessuali sono andati fuori di testa per le loro paure per l’AIDS quando le possibilità che ciò accada erano molto scarse”, ha scritto. Baudette ha detto durante il suo discorso di sabato che il “retto bianco” ha meno probabilità di contrarre l’HIV rispetto alla “possibilità di essere colpito da un fulmine”.

READ  Stoptober a Isala - Focus RTV

Ma: è vero? nuovo. La possibilità che tu venga colpito da un fulmine, a seconda di dove ti trovi, è in media di 1 su 1 su 2 milioni. Secondo l’organizzazione britannica Mappa dell’Aids La possibilità di contrarre l’HIV se fai sesso con una donna infetta come una volta come un uomo è una volta nel 2380. Ma quante possibilità hai di incontrare una persona infetta e avere anche rapporti sessuali non protetti, dipende da molti fattori . . Inoltre, è possibile che qualcuno abbia rapporti sessuali con una persona infetta più spesso. In breve: il rischio di infezione da HIV non può essere calcolato in modo univoco.

L’HIV colpisce tutti

Quello che sappiamo: di tutte le nuove diagnosi di HIV nei Paesi Bassi nel 2019, il 61 percento degli uomini che hanno contratto il virus ha avuto rapporti sessuali con altri uomini. Questo è chiaro da Rapporto sul monitoraggio dell’HIV 2020. Poco meno di un terzo (28%) ha contratto l’HIV attraverso il contatto sessuale e l’11% in qualche altro modo sconosciuto. Ciò è in parte dovuto al fatto che la possibilità di trasmettere un’infezione a trasmissione sessuale in senso generale è maggiore durante il sesso anale.

Ma, Aidsfonds dice: I numeri variano ampiamente da stato a stato. In Africa, il 60 per cento delle infezioni da HIV si verifica tra le giovani donne. E se guardi alla Russia, scoprirai che è praticamente divisa 50/50 tra uomini e donne. Quindi: l’HIV colpisce tutti.” Il fondo ha affermato che il virus colpisce persone di “tutti i continenti, di tutte le razze e di tutte le età”.

READ  GGD IJsselland ha ricevuto ulteriori vaccinazioni da Pfizer e invita i giovani a fissare un appuntamento

Inoltre, un terzo delle infezioni sessualmente trasmissibili nei Paesi Bassi non è ancora correlato al sesso tra gli uomini. Inoltre, il numero di infezioni è diminuito da tempo e la malattia nei Paesi Bassi in generale è ancora oggi molto rara, proprio per la prevenzione. “I preservativi ti impediscono di ammalarti, quindi questo non aiuta le grandi compagnie farmaceutiche”, afferma Aidsfonds.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto: