QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aiuto, ho sbagliato la conversione: e adesso? Ho perso i miei soldi per sempre? | la mia guida

Spaargids.beGli errori si fanno velocemente. Ma quando ciò accade con i trasporti, sudi rapidamente. Con un importo molto elevato da pagare o un numero di conto errato, è probabile che ti scioccherai la testa. Fortunatamente, ci sono buone possibilità che i tuoi soldi vengano restituiti. Spaargids.be Spiega i migliori passi da compiere.


In collaborazione con Spaargids.be


Ultimo aggiornamento:
07:53


fonte:
Spaargids.be

Fino a pochi anni fa eseguivamo principalmente bonifici cartacei. In questo caso, l’importo da pagare e il numero di conto del beneficiario vengono solitamente compilati per impostazione predefinita. Oggi ci occupiamo principalmente di bonifici in digitale. Questo accade spesso tra altri due compiti, così che a volte va storto.

Paghi le bollette tramite un ordine automatizzato? Perché non dovremmo mai perdere di vista anche il debito diretto.

Cosa può andare storto?

Gli errori possibili sono di diversi tipi. In caso di numero di conto errato, di solito non c’è da temere, perché la banca non effettuerà il bonifico in base al numero di assegno del conto. Ciò accade sempre quando si sceglie il numero di conto sbagliato dall’elenco dei beneficiari salvati. Un importo troppo alto, dove metti troppi zeri o dimentichi una virgola, è anche uno dei possibili errori. C’è anche la possibilità che tu e il tuo partner effettuiate lo stesso trasferimento, pagando due volte.

Stai cercando un account adatto alle tue esigenze?
Confronta qui diversi Conti correnti E il conti di risparmio Nel mercato.

E se non conosci il destinatario?

La cattiva notizia è che la banca può annullare il bonifico effettuato solo se la banca stessa è in colpa. La tua banca è obbligata a compiere ogni ragionevole sforzo per recuperare l’importo. La banca ricevente, a sua volta, è obbligata a collaborare. Se non conosci il destinatario, la tua banca chiederà i dettagli della persona a cui hai trasferito il denaro dalla banca del destinatario. La tua banca potrebbe addebitare costi aggiuntivi per questo sforzo. Questa tassa è salita rapidamente a 25 euro. Se la banca del destinatario non fornisce queste informazioni, potresti prendere in considerazione l’idea di intraprendere un’azione legale o consultare il Financial Services Ombudsman, Ombudsfin.

READ  La rete di Solana (SOL) è fondamentalmente debole? » Insider cripto

Consiglio di lettura: Perché è interessante distribuire i tuoi risparmi su conti diversi?

E se conoscessi il destinatario?

Se conosci il destinatario, è una buona idea contattare direttamente quella parte. Nella maggior parte dei casi, quella persona probabilmente ti rimborserà tale importo. Anche le agenzie governative e le società di servizi pubblici hanno procedure standard per questo. Se il beneficiario rifiuta il rimborso, puoi anche intraprendere un’azione legale qui. Dopotutto, il destinatario è legalmente obbligato a rimborsare l’importo depositato in modo errato.

Come evitare il fallimento?

Prevenire è meglio che curare, ovviamente. Pertanto, menzionare sempre il nome e l’indirizzo del beneficiario nel bonifico. Al momento della conferma, verificare sempre che tutti i dati siano corretti. Idealmente, dovresti anche scrivere sulla fattura o sul documento di pagamento cartaceo quando effettui il pagamento. In questo modo impedisce a te o a una persona cara di effettuare il pagamento due volte.


Leggi anche su Spaargids.be:

Tagliare il tuo conto corrente sotto zero? Non è una buona idea. “Seguiamo i clienti che si spostano regolarmente”

Santander Consumer Bank ha alzato il conto di risparmio per interessi all’1,20%

Dal 2010 il numero degli sportelli bancari si è dimezzato: “Ogni giorno bisogna accontentarsi di almeno uno”

Questo articolo ti è stato offerto dal nostro partner Spaargids.be.
Spaargids.be è un confronto indipendente di prodotti bancari alla ricerca di tassi competitivi e tassi di interesse migliori.

READ  Niente più "Jacuzzi" nei parchi centrali | Per viaggiare