QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Albania e Macedonia del Nord si avvicinano all’Unione Europea | All’estero

I 27 Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso di avviare negoziati di adesione con l’Albania e la Macedonia del Nord. Lo fecero il giorno dopo che la Macedonia del Nord aveva accettato un compromesso nel conflitto con la vicina Bulgaria.

Il Parlamento di Skopje ha dato il via libera al quadro dei negoziati con l’Unione Europea. Questo quadro include anche un compromesso del conflitto con la vicina Bulgaria. I macedoni del nord sono obbligati a riconoscere la minoranza bulgara nel loro paese nella costituzione e ad adottare altre misure per proteggere i diritti delle minoranze. Uno degli ultimi ostacoli all’avvio dei negoziati di adesione è stata la mancanza di un compromesso.

“Abbiamo compiuto un altro passo importante per avvicinare i paesi dei Balcani occidentali all’Unione europea”, ha dichiarato su Twitter il primo ministro ceco Petr Viala dopo un incontro sull’argomento a Bruxelles. La Repubblica Ceca detiene attualmente la presidenza dell’Unione Europea. Il primo ministro albanese Edi Rama e il suo omologo nord macedone Dimitar Kovasevski dovrebbero arrivare a Bruxelles martedì. Dopodiché, inizieranno ufficialmente i negoziati, che richiederanno anni.

Veto bulgaro

La Macedonia è un paese candidato dal 2005 e attende l’inizio dei negoziati dal 2008. Per anni, la Grecia ha bloccato qualsiasi iniziativa fino a quando il piccolo paese vicino non ha deciso nel 2018 di cambiare nome da Macedonia a Macedonia del Nord. Dopo il veto greco, arrivò il bulgaro, che voleva negoziare anche concessioni in termini di lingua, storia e protezione delle minoranze.

La protesta bulgara ha bloccato anche la candidatura dell’Albania, candidata dal 2014. Alla fine, sotto la pressione della Francia, l’ex presidente dell’Unione Europea, la Bulgaria ha deciso di far cadere il veto in cambio di alcune concessioni.

READ  Navo overhandigt voorstellen aan Rusland met gebalde vuist