QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Allison Jackson sorprende a Roubaix, posti d’onore per Truyen (3°) e Kopecky (7°) |  Parigi Roubaix femminile 2023

Allison Jackson sorprende a Roubaix, posti d’onore per Truyen (3°) e Kopecky (7°) | Parigi Roubaix femminile 2023

Sorpresa alla Parigi-Roubaix: non i favoriti, ma il rifugiato ha trionfato sul circuito. La 34enne canadese Allison Jackson (EF Education) ha vinto lo sprint da un piccolo gruppo. La nostra connazionale Marthe Troen è arrivata terza. Lotte Kopecky, caduta di nuovo, è arrivata troppo tardi.

La terza edizione della Paris-Roubaix Women’s Show in poche parole:

  • Il vincitore di oggi: Chiunque abbia mai scommesso su Allison Jackson (EF Education) per questa Parigi-Roubaix è stato dichiarato pazzo. Ma questo corso è ancora uno Stanza pazzesca Lì può succedere di tutto. Jackson è stato il più veloce delle 7 persone, che hanno completato la fuga della maratona in pista.
  • Perdenti di oggi: Lotte Kopecky e, di conseguenza, gli altri favoriti che si sono innamorati di questa partita Parigi-Roubaix. Non hanno mai più visto l’apice della gara a causa di un vantaggio molto ampio ricevuto dal folto gruppo di testa. E per via del pesante scontro che ha coinvolto quasi tutti i favoriti, che ha fermato il ritmo dell’inseguimento.
  • Momento chiave: Come sarebbe stata la gara se Elisa Longo Borghini non fosse caduta e avesse concluso quasi tutta la gara? Non lo sapremo mai, ma ci sono buone possibilità che i candidati decidano tra loro chi vince la Parigi-Roubaix.

Il gruppo di testa di 18 riceve in regalo un grande anticipo

“La Parigi-Roubaix è il classico gioco in cui un volo anticipato può svolgere un ruolo importante”.

La saggezza del ciclismo esiste da molto tempo e si scopre che vale anche per le donne nella terza edizione della Parigi-Roubaix.

Un folto gruppo di 18 concorrenti è arrivato in diversi segmenti e quasi tutte le squadre erano rappresentate. Chi colmerà il divario dopo?

Con un generoso vantaggio di circa 6 minuti, i primi classificati hanno iniziato le sezioni acciottolate della giornata.

Ben presto la Jumbo-Visma, una delle uniche squadre senza pilota nel gruppo di testa, ha dovuto fare i conti con la sfortuna con una gomma a terra di Marianne Vos. In questo modo hanno dovuto inseguire il gruppo piuttosto che colmare il divario con il gruppo di testa.

Quindi Trek-Segafredo, la squadra più forte della giornata, ha raccolto la sfida nel gruppo. Il team italo-americano ha voluto riportare in testa alla corsa Lucinda Brand ed Elisa Longo Borghini.

Con un’accelerazione impressionante, anche Lotte Kopecky ha dimostrato di stare bene, anche se non poteva più mostrare una tale accelerazione in testa alla gara.

Una grossa collisione nei favoriti rallenta l’inseguimento

La vincitrice uscente Elisa Longo Borghini è scivolata per il momento decisivo della gara.

Quasi l’intero gruppo di favoriti è stato fermato da questo incidente e anche Lotte Kopecky è caduta sul pavè. Sembrava che Sunny fosse la vittima più grande, doveva arrendersi.

In questo modo l’intero plotone veniva tagliato in piccoli pezzi e non si trattava più di un inseguimento organizzato. Tutto ha giocato a favore del gruppo di testa, visto che le sette donne più forti sono rimaste in finale.

Inoltre, la nostra giovane connazionale Marthe Truyen (Fenix-Deceuninck), che era ancora accompagnata, tra gli altri, da Femke Markus, collega di Kopecky all’SD Worx.

Con tutti i favoriti di nuovo aggrovigliati insieme, ma è già troppo tardi per la ricerca organizzata. Con un vantaggio di 15 secondi, il gruppo di testa è entrato in pista a Roubaix.

In uno sprint caotico, in cui Marcus si schianta, Allison Jackson (EF Education) riesce finalmente a farcela. E la 34enne canadese ha battuto Katja Ragusa (Live Racing Tech Find) e la nostra connazionale 23enne Marthe Troyn.

Il settimo posto è stata una magra consolazione per Kopecky, dopo che una giornata di sfortuna l’aveva colpita alle spalle. Ha lottato per rientrare nel gruppo dei favoriti, vincendo la gara di 12 secondi dal vincitore Jackson.

Reazioni post-Parigi-Roubaix:

Allison Jackson Non poteva nascondere la sua sorpresa all’arrivo. “Durante la ricognizione ho già sognato di vincere in pista. Spesso rimane con i sogni, quindi non è realistico realizzarlo nella vita reale”.

Il crollo in un momento cruciale ha significato la fine della storia Shari Bossuit (61) oggi.

“Lorena (Webbs, ndr) ha continuato ad andare avanti, e poi Trek ha preso il sopravvento. L’ho visto accadere, quindi volevo sorpassare alcuni corridori che si sono scatenati. Poi sono caduto e la mia gara è finita”, racconta Bossuyt.

“Mi sto lasciando cadere, forse perché voglio scavalcare qualcuno e scivolare in un posto umido.”

Già dopo un tratto acciottolato Mariano Volpe (X) Costretto alla persecuzione. La gomma a terra ha significato l’inizio di un’intera giornata di inseguimento.

“Sono successe molte cose, e anche molte cose in cui non mi sono adattato”, dice Voss.”Sono riuscito a allontanarmi da quel grande gruppo dirigente, ma cosa è successo dopo: non ne ho idea”.

“Sono caduto prima della prima battuta e poi quella gomma a terra, e poi sai che verranno seguiti. Salto da un set all’altro, tutto quello che posso fare è continuare a guidare”.

Christel HermansAlison Jackson, direttrice europea di EF Education per il vincitore, era ovviamente molto felice di aver vinto alla Parigi-Roubaix.

“Rende buona tutta la nostra stagione. Ora si spera che si possano aggiungere alcuni buoni risultati, ma penso che possiamo dire che la nostra stagione è stata ampiamente positiva”.

Quando hanno iniziato a sognare con la squadra? “Dal momento in cui li abbiamo visti arrivare a 18, sapevamo che sarebbe potuto andare lontano. Quando avevano quasi 6 minuti, pensavamo già che avrebbero resistito, con un po’ di fortuna”.

A causa della grande rottura tra i favoriti, la gara è caduta ulteriormente per il gruppo di testa. Con Jackson che vince alla fine. Che tipo di cavaliere è?

“Sono davvero necessarie competizioni con molta potenza. Il Giro delle Fiandre può essere un po’ duro a causa delle successioni collinari, ma oggi era il nostro menu”, spiega Herrimans.

  1. 17:31 Al secondo posto Katia Ragusa, al terzo posto la nostra giovane connazionale Marthe Troen. Grande gara di Truyen! & nbsp; .
  2. 17:29 Kopecky vince lo sprint dei favoriti, magra consolazione dopo una giornata davvero sfortunata. & nbsp; .
  3. 17:00 28 Partita finita
  4. 17: 27. Boras inizia a scattare dalla parte anteriore e Jackson sembra averlo superato. .
  5. 17:27 Marcus cade dalle piste! Ecco le probabilità che SD Worx ci sia. & nbsp; .
  6. 17:27 Ci sono le piste! I sette leader entrano in pista con buoni progressi. Sembra che possano correre per la vittoria. & nbsp; .
  7. 17:26 I massi di Roubaix hanno ormai superato il gruppo di testa. È ora di scendere in pista. & nbsp; .
  8. 17:25 altri 2 km. I candidati ora hanno in vista il gruppo di testa. Questo, ovviamente, gioca nelle mani degli inseguitori. & nbsp; .
  9. 17:25 I sette capi ora stanno migliorando di nuovo. Sembrano rendersi conto che questa è un’opportunità unica per vincere la Parigi-Roubaix. & nbsp; .
  10. 17:25 Longo Borghini attacca, il gruppo dei candidati tornerà? .

    Longo Borghini all’attacco, il gruppo dei candidati tornerà?

  11. 17h24 Bastianelli si porta poi davanti a Consone nel gruppo degli inseguitori. Hanno fatto una scelta negli Emirati Arabi Uniti. & nbsp; .
  12. Alle 17:23 Lungo Borghini attacca. Trek-Segafredo passa ora al comando tra i favoriti, e Longo Borghini accorcia il distacco a 10 secondi in accelerazione. Ma poi taci di nuovo. Non funzionerà in questo modo. & nbsp; .
  13. 17:21 Adesso crescono i progressi, nel gruppo dei favoriti non c’è consenso. Poi ha provato il marchio da sola, ma Schoenberger l’ha chiuso. & nbsp; .
  14. 15 secondi. Anche la collaborazione nel gruppo di testa non sta andando bene. Tuttavia, mantengono ancora il loro vantaggio. & nbsp; . 17:00 21.
  15. 17:00 19. Il gruppo Kopecky tace. Kopecky può contare sul compagno di squadra Fimke Marcus in attacco? È ancora vistosamente assente dal gruppo di inseguitori, mentre progredisce in attacchi e partenze. & nbsp; .
  16. 17: 19. Lo sprint con un gruppo numeroso è diventato più sopportabile. Se con il gruppo di testa o con il gruppo favorito è ancora una questione. & nbsp; .
  17. 17:17 Al momento sono ancora a circa 10 secondi di distanza. Sia il gruppo di testa che il gruppo di inseguitori preferito stanno bene insieme. & nbsp; .
  18. Williams ad Heim. L’ultima vera sezione acciottolata della giornata. Ci sarà una lezione qui o andremo sulle piste con un gruppo numeroso? Il gruppo di testa appare a 10 secondi di distanza. Perfetto per prendere il comando di un favorito da dietro. & nbsp; . 5m 4m.
  19. 17:14 Tutti su un fazzoletto, i tre gruppi in testa alla corsa si vedono. Stiamo per fonderci con circa 20 corridori. & nbsp; .
  20. 17:13 altri 10 km. Quindi Vos è ancora nel gruppo dei favoriti. Quindi la sua infernale ricerca del recupero è finalmente giunta a una conclusione positiva. & nbsp; .
READ  Live: Sembra che un panino sia già stato fatto a metà strada per Anversa, il sindacato a dieci teste è un compito pesante | Jupiler Pro League 2022/2023