QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Almeno 38 morti e decine di feriti in una collisione di due autobus in Senegal all’estero

Almeno 38 persone sono morte e 87 ferite in uno scontro tra due autobus in Senegal. Lo hanno annunciato oggi i vigili del fuoco.


AVVV


Ultimo aggiornamento:
14:41


Fonte:
BELGA

L’incidente è avvenuto ieri sera alle 3:15 ora locale (4:15 BST) vicino alla città di Cavrin, a circa 250 chilometri a sud-est della capitale Dakar. I feriti sono stati portati all’ospedale Kaverin. Gli autobus sono stati sospesi e la strada è stata aperta al traffico.

Secondo l’avvocato di Koalak, i risultati preliminari mostreranno che l’autobus del trasporto pubblico ha subito un’esplosione, ha sterzato e si è scontrato con un autobus che viaggiava nella direzione opposta.

Almeno 38 persone sono morte e decine sono rimaste ferite in una collisione tra due autobus in Senegal ©Twitter

Il presidente del Paese dell’Africa occidentale, Macky Sall, ha parlato dei 40 morti in un tweet. Il capo dello Stato si è detto sconvolto e ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, a partire da domani. Nel pomeriggio avrebbe visitato il luogo dell’incidente. Sall ha anche annunciato che domani si terrà una riunione di gabinetto su possibili misure per migliorare la sicurezza su strade e trasporti pubblici.


Gli incidenti con gli autobus sono comuni in Africa a causa della scarsa manutenzione dei veicoli, strade dissestate e comportamenti di guida inappropriati. Molti conducenti hanno acquistato la patente illegalmente senza frequentare una scuola guida. Tuttavia, questo è l’incidente più mortale in Senegal negli ultimi anni.

Ci sono stati due incidenti simili solo la scorsa settimana. Almeno 14 persone sono morte in una collisione tra due autobus in Costa d’Avorio e 18 persone sono morte in una collisione tra un autobus e un camion in Nigeria.

uno sguardo. Il momento in cui un uomo indiano viene trainato da un treno

READ  Il Giappone vuole uno degli eserciti più potenti al mondo e il presidente Usa Joe Biden sostiene la "riforma storica" ​​della difesa giapponese