QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Almeno due persone sono state uccise dal fuoco del casco blu in un punto di confine nel Congo orientale | All’estero

Almeno due persone sono rimaste uccise oggi quando le forze di pace della Missione delle Nazioni Unite in Congo (MONUSCO) hanno aperto il fuoco a Kasindi, al confine con l’Uganda. Lo ha confermato la stessa missione delle Nazioni Unite. Tuttavia, le circostanze esatte non sono ancora chiare.

I Caschi Blu, le forze di pace internazionali, avrebbero potuto essere ostacolati quando volevano attraversare il confine. Così hanno aperto il fuoco. Inizialmente, otto persone sono rimaste gravemente ferite. Almeno due di queste otto vittime erano agenti. Adesso, però, si parla di almeno due morti.

Il capo della MONUSCO, Bento Keita, si è detta “profondamente scioccata da questo grave incidente” e ha definito “irresponsabile” il comportamento dei militanti. Ha aggiunto che gli aggressori sono stati arrestati in attesa delle indagini. Non è stata ancora rivelata la nazionalità dei caschi blu coinvolti.

La scorsa settimana la zona ha assistito a manifestazioni che chiedevano la partenza dei caschi blu. Secondo i manifestanti, le forze di pace non sono in grado di combattere i gruppi armati nell’area. Le manifestazioni sono state molto turbolente, con almeno 19 persone uccise.

Guarda anche: Diversi morti nelle proteste contro la Missione delle Nazioni Unite in Congo

Leggi anche. Il presidente del Senato congolese invita le forze di pace delle Nazioni Unite ad andarsene

22 morti nelle proteste contro la missione Onu in Congo