QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Alpecin-Fenix ​​mantiene a bordo Julien Vermot dopo una stagione infelice | Ciclismo

Alpecin-Fenix ​​ha prolungato il contratto di Julien Vermote (32). La squadra ha consegnato un’ancora di salvezza a Vermote ad aprile, ma a causa di un’infezione da corona, alla fine non è stato in grado di guidare alcuna pista per la sua nuova squadra.

Julien Vermote ha ottenuto i suoi stimoli come cavallo di battaglia in Quick-Step, ma non è stato in grado di trovare una nuova squadra dopo le avventure con Dimension Data e Cofidis. Fino a quando Alpecin-Fenix ​​non lo ha catturato ad aprile dopo una lunga ricerca.

“Sono eccitato e pronto per il dovere”, Vermott ha sorriso alla sua esibizione, ma la sua felicità è stata di breve durata. A maggio è risultato positivo al coronavirus, che gli ha impedito di correre qualsiasi gara per la sua nuova squadra.

Tuttavia, Alpecin-Fenix ​​offre a Vermote un’altra possibilità: il suo contratto includeva un’opzione per un altro anno e quell’opzione è ora in fase di attuazione. Senza sfortuna, Vermote potrebbe debuttare con Alpecin-Fenix ​​nel 2022.

Vermote: “Mentalmente è stata dura”

“È stato un anno molto strano”, ha detto Vermot. “All’inizio ero senza squadra, ma sono rimasto concentrato e speravo che succedesse qualcos’altro. È stata una sfida mentale, quindi sono stato molto felice di firmare con l’Alpecin-Fenix”.

“Quindi è stato un successo quando ho avuto il coronavirus, soprattutto quando si è scoperto che avevo anche la toxoplasmosi. È stata una brutta combinazione, ho sentito le conseguenze fisiche per molto tempo. Ma è stato anche difficile mentalmente”.

“Ero sempre stanco ed esausto, non recuperavo come avrei dovuto. All’inizio non riuscivo nemmeno ad allenarmi. Passavano le settimane senza che potessi correre. Ad agosto la squadra ha deciso di lasciarmi riposare per potermi recuperare .”

Mi hanno dato un anno in più e sono molto contento dell’opportunità. Hanno continuato a credere nelle mie qualità e dedizione.

Julian Vermot

Si è rivelata la decisione giusta da parte della squadra. “Avevo bisogno di quel periodo di riposo”, dice Vermott. “Mi sento di nuovo bene, sul palco sta andando tutto bene. Mi rendo conto che il mio futuro era nelle mani della squadra”.

“Mi hanno dato un anno in più e sono felicissimo per questa opportunità. Continuano a credere nelle mie qualità e nella mia dedizione. Sono molto grato, non molte squadre faranno lo stesso”.

“Ovviamente sono ancora ambizioso. Voglio correre ed essere utile ai miei compagni di squadra. Non vedo davvero l’ora di agire”.

READ  La sensazione britannica di 18 anni è il cuore del nuovo Wimbledon | Wimbledon