QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Amazon vuole inviare nello spazio migliaia di satelliti aggiuntivi | iHLN

Amazon aveva precedentemente annunciato che investirà almeno 10 miliardi di dollari (8,6 miliardi di euro) nella costruzione dei primi 3.236 satelliti. Giovedì sera, Amazon ha chiesto l’approvazione per mandare in orbita un totale di 7.774 satelliti. Amazon invierà le prime copie nello spazio il prossimo anno.

Secondo Amazon, i satelliti serviranno case, ospedali, aziende, agenzie governative e altre organizzazioni in tutto il mondo, anche in aree geografiche prive di Internet a banda larga affidabile, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters. “Sebbene la connettività sia migliorata in tutto il mondo, solo il 51% della popolazione mondiale e il 44% della popolazione dei paesi in via di sviluppo sono connessi a Internet”.

Amazon non è l’unico grande partito che investe pesantemente nei satelliti. Anche il capo di Tesla, Elon Musk, sta facendo progressi significativi in ​​questo settore con la sua compagnia aerospaziale SpaceX. SpaceX ha già lanciato più di 1.700 dei suoi satelliti Starlink a banda larga e prevede di lanciarne altre migliaia. Il sistema Starlink di Musk è già attivo in diversi paesi.

OneWeb, con sede a Londra, gestisce anche una flotta di 648 satelliti e il produttore di aeromobili Boeing ha recentemente ricevuto l’approvazione dalla Federal Communications Commission (FCC) per una flotta di 147 satelliti per comunicazioni.

READ  Dalle rigide regole di quarantena ai confini chiusi: gli archi globali dell'omikron .variabile