QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Amber rivela un nuovo tipo di lucertola

Nel marzo 2020, scienziati e scienziati hanno annunciato la scoperta di uno dei più piccoli uccelli fossili Non è stato divulgato e le sue dimensioni non superavano i cinque centimetri. Si tratta di un teschio conservato nell’ambra birmana che ha 99 milioni di anni, che ha permesso l’identificazione di questa nuova specie chiamata التي Oculudentavis khaungraae. Ma la storia non è poi così semplice…

Il nuovo teschio conferma i sospetti

Subito dopo la pubblicazione della ricerca su questo uccello, alcuni specialisti hanno espresso dubbi su questa identificazione. Quindi questa recensione natura La sua pubblicazione è stata ritirata dopo pochi mesi. Oggi un team del Florida Museum of Natural History ha annunciato la scoperta di un nuovo teschio, recuperato nell’ambra, con caratteristiche simili ad altri. Ha pubblicato la sua analisi sulla rivista biologia attuale, ha deciso che appartiene allo stesso genere, ma è della specie appena nominata Drago Oculudentavis.

Fossile conservato in ambra di Oculudentavis naga. a lui attribuito: Adolphe Peretti / Fondazione Museo Peretti / Biologia attuale.

Soprattutto, i ricercatori sottolineano che non si tratta di un uccello ma di una lucertola dalle caratteristiche molto insolite. Per risolvere la controversia, hanno studiato i due crani e hanno attaccato piccoli pezzi spinali su uno scanner e hanno ricostruito digitalmente ciascuna delle loro ossa. Dettagli come la presenza di squame e un osso cranico a forma di mazza da hockey, che tutte le cupole hanno in comune, hanno permesso di determinare che questi erano davvero i resti di due lucertole, non di uccelli.

Ricostruzione del cranio di Oculudentavis naga (in alto) e del cranio di Oculudentavis khaungraae (in basso). Credito: Edward Stanley del Florida Museum of Natural History/Pereti Museum Foundation/Current Biology.

becco falso

Il team ha anche scoperto che i crani di entrambe le specie si deformavano durante la conservazione. mascheraOculudentavis khaungraae compressi, dando loro l’aspetto di un becco e fuorviando i loro primi scopritori. D’altra parte, se fossero stati sicuri nell’identificare la casualità, non sarebbero riusciti a localizzare queste lucertole nell’albero evolutivo. Potrebbe essere un nuovo gruppo che non è ancora noto. Il periodo Cretaceo, da 145,5 a 66 milioni di anni fa, ha prodotto numerosi gruppi di lucertole e serpenti, ma non è stato facile rintracciare la storia fossile di questo periodo fino ai loro parenti viventi più stretti.