QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Americano di 85 anni rilasciato dopo 6,5 anni di prigionia in Iran | All’estero

L’85enne americano Bakir Namazi e suo figlio Siamak sono stati (provvisoriamente) rilasciati dopo 6,5 anni di carcere in Iran. Entrambi sono stati condannati per spionaggio. Namazi ha bisogno di cure mediche urgenti.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, aveva chiesto in precedenza all’Iran di rilasciare gli americani di cittadinanza iraniana. Namazi, un ex dipendente dell’UNICEF, è stato arrestato nel febbraio 2016 quando si è recato in Iran per fare pressioni per il rilascio di suo figlio. Suo figlio è stato arrestato pochi mesi fa. Entrambi sono stati condannati nell’ottobre 2016 a dieci anni di carcere per spionaggio.

Secondo gli Stati Uniti, sono stati arrestati ingiustamente. Namazi è stato rilasciato per motivi medici nel 2018. È stato posto agli arresti domiciliari per il resto della sua pena. Secondo il Dipartimento di Stato americano, non gli è stato permesso di lasciare l’Iran dopo aver scontato la pena, nonostante le ripetute richieste di cure mediche urgenti. Namazi è ora in viaggio per Abu Dhabi via Amman per sottoporsi a un intervento chirurgico per un’ostruzione dell’arteria carotide. A suo figlio fu concesso il congedo di prigione e quindi gli fu permesso di lasciare temporaneamente la prigione.

Gli Stati Uniti hanno anche spinto per il rilascio di altri americani mentre cercavano di rilanciare l’accordo nucleare del 2015 tra Iran e paesi occidentali. Gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente da questo accordo nel 2018 sotto il presidente Donald Trump e hanno reimpostato le sanzioni economiche all’Iran.

convocare ambasciatori

Le tensioni tra Gran Bretagna e Iran stanno ora aumentando a causa delle proteste in corso dopo L’arresto e l’omicidio di Mahsa Amini. Lunedì, il Ministero degli Esteri britannico ha dichiarato di aver convocato l’ambasciatore iraniano in Gran Bretagna per reprimere le proteste.

READ  Ragazza olandese ha infilato le dita in una palla da bowling per ore, la friggitrice è stata la risposta | all'estero

A sua volta, il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore britannico a Teheran in risposta alle “dichiarazioni di interferenza” britanniche. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Tasnim. Il ministero afferma che gli inglesi stanno facendo “dichiarazioni unilaterali” sulle proteste. Ciò dimostra, come afferma l’Iran, che “gioca un ruolo negli scenari di guerra dei terroristi che operano contro la Repubblica islamica”.

Il ministero ritiene inoltre che i commenti di Londra sugli affari interni iraniani siano “basati su interpretazioni false e provocatorie”.

Continuano le proteste in Iran per l’arresto e l’omicidio di Mahsa Amini: