QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche dopo tre giorni e undici turni di votazioni, manca il sostegno

Kevin McCarthy ha combattuto senza successo per il presidente della Camera in undici round. Con sacchetti di popcorn, i democratici si stanno godendo la lotta interna repubblicana per il potere. La Camera dei Rappresentanti ha deciso di sospendere le elezioni dopo l’undicesimo turno e di proseguirle venerdì.

Maral Naushad Sharifi e Thomas Robb

La scorsa settimana, il Campidoglio è stato teatro di una tragedia shakespeariana: piena di dolore, tradimento spericolato e un personaggio principale che non potrà mai diventare un eroe. Kevin McCarthy non è riuscito a farcela. Anche dopo tre giorni di brutale battaglia, giovedì il repubblicano non è riuscito a ottenere il sostegno per diventare presidente della Camera.

Al quinto scrutinio della giornata, l’undicesimo scrutinio complessivo, McCarthy è stato nuovamente inferiore di 200 voti, diciotto voti in meno. Ecco perché il voto è stato rinviato a venerdì. Quindi la Camera dei Rappresentanti si riunisce per votare per la dodicesima volta.

In cento anni un candidato alla presidenza degli Stati Uniti non ha fallito al primo turno. Per non parlare del secondo o del terzo. McCarthy ha ora undici turni di votazioni e il martelletto è ancora fuori portata.

Giovedì, almeno due dozzine di membri del suo partito hanno votato contro il 57enne repubblicano della California. Seguono nuovi round, ma il risultato è ancora sfuggente. Il viso di McCarthy cresceva a ogni stato d’animo. Fonti dicono al Washington Post che una soluzione è all’orizzonte, ma che aspetto abbia esattamente non è chiaro.

È molestato da un gruppo di membri del Congresso ultranazionalisti. Stanno cercando di forzare il loro partito più a destra. Anche l’alleato di Trump, McCarthy, è ancora troppo progressista per loro. Nel frattempo, i repubblicani moderati sono furiosi. Chiamano i piantagrane “egoisti” e “narcisisti” e li chiamano “interessati”.

READ  "E' una legge non scritta: questo non lo fai": la foto con il premio più alto è ora sotto il fuoco pesante

Scatole per pizza

McCarthy ha negoziato a tarda notte con questa banda di rinnegati. Ha portato un carrello pieno di cartoni per la pizza e si è tagliato profondamente la carne. McCarthy era disposto a fare concessioni su concessioni per evitare un’altra caduta.

McCarthy ha promesso ai politici ribelli posizioni di rilievo nei comitati. Più completo: il suo impegno che d’ora in poi qualsiasi membro del Congresso possa presentare una mozione per mettere sotto accusa il presidente. In tal modo, ha consegnato agli ultranazionalisti un’arma potente in cambio di sostegno. Anche la sua posizione di presidente sarà appesa a un filo in futuro.

“Strando prima di camminare, e cammino prima di correre”, ha detto McCarthy in seguito, con vago ottimismo. “Sento che abbiamo avuto un’ottima conversazione.” Ma la sua stretta di mano fu inutile.

il Blocco della libertàL’ala destra ribelle ha ripetutamente nominato uno sfidante tra le proprie fila. L’ultimo dei round è stato Byron Donalds dalla Florida. Il membro del Congresso Chip Roy ha detto durante la sua candidatura che gli americani vogliono un nuovo “volto, visione e leadership” e “questo è Byron Donalds”.

Il 44enne Donalds ha ricevuto dodici voti nel round finale. Troppo poco per vincere, ma più che sufficiente per buttare giù di sella McCarthy. Dalle elezioni di metà mandato di novembre, i repubblicani hanno avuto una maggioranza così ristretta che solo una manciata di oppositori nel loro campo potrebbe bloccare il voto. McCarthy ha bisogno di 218 dei 222 voti repubblicani espressi.

I repubblicani dissidenti Matt Gates e Lauren Boebert parlano al Congresso.  Immagini, immagini, notizie

I repubblicani dissidenti Matt Gates e Lauren Boebert parlano al Congresso.Immagini, immagini, notizie

Popcorn

Finché la ribellione continuerà, non solo il Partito Repubblicano sarà nei guai, ma l’intera politica nazionale. Senza un presidente, il Congresso non può iniziare i suoi lavori. I nuovi membri non prestano giuramento e nessun disegno di legge viene discusso. L’unico compito per i 435 rappresentanti è fare una svolta: presentarsi e votare ancora e ancora, non importa quanto tempo ci vorrà.

Da parte democratica, il dramma è diventato notevolmente più banale. La rabbia dei repubblicani ora non era diretta contro di loro, ma l’uno contro l’altro. I membri del Congresso di sinistra hanno chiaramente apprezzato la performance. Alcuni sono entrati ostentatamente nella sala di discussione con sacchetti di popcorn.

Gli stessi democratici hanno serrato i ranghi attorno al loro nuovo leader del partito Hakeem Jeffries, che è anche il primo americano di colore ad essere nominato presidente. Nel corso di sei round, Jeffries ha ricevuto il maggior numero di voti di tutti. Tuttavia, a causa della minoranza democratica, questo non è bastato.

Quando McCarthy ha iniziato martedì, sapeva che sarebbe stata dura. Ma il fatto che il divario repubblicano sia così grande nessuno se lo aspettava.

anteprima

Anche l’ex presidente Donald Trump, che è ancora visto come il leader del Partito Repubblicano, non può più avere il gruppo di destra che ha fondato. “Ora è il momento per tutti i nostri grandi repubblicani di votare per KEVIN”, ha detto attraverso il suo canale Truth Social.

E la deputata Lauren Boeber ha ignorato il consiglio del suo “capo preferito” in aula al Congresso. Lei, ancora una volta, ha nominato il concorrente Byron Donalds.

Lo spettacolo di questa settimana è un’anteprima di ciò che il nuovo presidente – che si chiami o meno Kevin McCarthy – dovrà affrontare nei prossimi due anni. Chiunque brandisca il martello, la battaglia è appena iniziata.