QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche i media stranieri vedono Van Aert come il pilota più completo al mondo: “Non si vedeva dai tempi di Hinault e Merckx”

La Gazzetta dello Sport (Italia):

“Comandante, gregario e anche… giudice: questo è Van Aert, il vero maestro del tour”

Jonas Vingegaard ha vinto la classifica generale con un ampio margine e ha vinto due tappe. Il secondo classificato Tadej Pojjakar ha fatto meglio di tre tappe. Ma secondo l’italiano Gazzetta Era senza dubbio il personaggio più determinante per Wout van Aert nel tour. Ha servito Vingegaard, ha vinto le tappe e ha persino deciso chi doveva vincerla: il concerto del Grand Jumbo-Visma è stato fantastico.

Algemeen Dagblad (Paesi Bassi):

La testa di Van Aert sembra più forte del suo corpo.

Wout Van Aert ha vinto lui stesso tre tappe, ma avrebbe potuto vincere di più se non si fosse messo al servizio della squadra nel passaggio. La squadra olandese Algemeen Dagblad descrive il ruolo del belga come cruciale per la vittoria del Tour di Jonas Vingegaard.

Senza Wout van Aert come assistente di lusso, Jonas Weinggaard non avrebbe vinto il Tour. Affermazione che potrebbe essere difficile da dimostrare scientificamente, ma è necessaria? Van Aert può fare qualsiasi cosa e la sua testa sembra più forte del suo corpo. Il belga rifiuta di approfondire le delusioni. Dopo aver preso la posizione seconda nei test di Copenaghen, è arrivato nuovamente secondo il giorno successivo, questa volta in volata dietro a Fabio Jacobsen. Ma ha preso la maglia gialla come una serie di sanguinamenti. Dopo di che, quella di Van Aert il grande spettacolo doveva ancora iniziare. (. …) Van Aert e questa carrellata, quella storia difficilmente si adatta a nessun libro”.

READ  Ouédraogo non crede alla storia americana: "A questo livello sai dove ti trovi" | Da qui a Tokyo

Leggi anche. Ingoia e ammira: i grandi personaggi di Wout van Aert nelle ultime settimane

Le Figaro (Francia):

Qualità del futuro vincitore

Riuscirà Wout van Aert a vincere il Tour? Questa discussione con noi è stata infinita nelle ultime settimane. Ma questa domanda viene posta anche oltre i confini nazionali, come nel francese Le Figaro. Il giornale descrive inequivocabilmente Van Aert come “il pilota di gruppo più completo”.

“Corridore, attaccante, pugile. Da lontano o alla fine della corsa. Eccellente contro il tempo e nella discarica di montagna Pogacar. E il tutto mentre serve fedelmente Vingegaard. Formidabile. Van Aert dimostra di essere forse il corridore di gruppo più completo. A futuro vincitore del Tour? Ha sicuramente dimostrato di poter esibirsi per tre settimane senza avere una brutta giornata”.

© AFP

Leggi anche. Presidente. “La nuova generazione ha fatto un tour fantastico. Con un belga come grande cartellone pubblicitario”

The Guardian (Regno Unito):

Benvenuto nell’era del tuo compagno di squadra

Dall’altra parte del canale, sembrano essere in completo accordo con l’analisi francese. Il quotidiano britannico di alta qualità The Guardian vede anche Van Aert come il “pilota più influente” dell’ultimo round e “il migliore in tutte le aree”.

Il quotidiano ritiene addirittura che sia “difficile vedere come Weinggaard avrebbe vinto la maglia gialla senza il sostegno del belga”. “Per cominciare, Van Aert ha salvato la gara di Dane sulla tappa 5, la tappa acciottolata, con uno sforzo prolungato per avvicinarlo abbastanza al Pogacar. Nelle Alpi, quando lo sloveno Vinggaard ha rotto con l’aiuto di Roglic, Van Aert è stato particolarmente importante sull’importante palcoscenico per Cole de Granon”.

“Nell’era delle super squadre e dei budget più grandi che acquistano più e migliori piloti di squadra, Jumbo-Visma sembra aver superato quello; benvenuto nell’era del tuo compagno di squadra”.

Leggi anche. Herentals celebra Wout van Aert e si sta già preparando per il benchmark post tour nel green: “È semplicemente il miglior pilota del mondo”

El Mundo (Spagna):

“Un ciclista totale che non vedevamo dai tempi di Hinault e Merckx”

“Oltre al personaggio di Jonas Weinggaard, il grande nome della 109a edizione della Grande Boucle era Wout van Aert”, afferma il quotidiano spagnolo El Mundo.

“Wout van Aert ha infranto tutte le leggi del ciclismo, al punto che alcune delle sue decisioni sono controverse”. El Mundo parla di diverse divisioni iniziali poiché sembrava stesse guidando per il proprio guadagno, ma con il senno di poi, ciò è servito al migliore interesse della squadra.

“La sua gamba dopo una tappa ha continuato a lavorare dove si sentiva più a suo agio, in attacco, come se le sue forze non si esaurissero mai, come se molti Ayers in gara. Le foto più belle del giro sono sue, da quando ha regalato la maglia a un ragazzo che lo aiutò dopo una buca, poi si fermò per un po’ a Mor de Bigger ad aspettare il suo capitano.”

El Mundo crede anche che Van Aert sia un pilota completo. “Non è un velocista, non è un pilota a tempo, non uno scalatore, non un passero domestico. Probabilmente è tutto in una volta, il ciclista totale, che non vedevamo dai tempi di Bernard Hinault ed Eddie Merckx. Lo scorso Tour, Van Aart ha vinto il cronometro, la corsa sprint sugli Champs-Élysées e in alta montagna (dopo la vittoria sul Mont Ventoux lo scorso anno), il cui peso gli impedisce solo di essere tra i migliori”.

“E’ anche il miglior ciclista classico del mondo, bronzo olimpico del Fuji e tre volte campione del mondo di ciclocross, forse lì, nel fango, starebbe la spiegazione del suo spirito competitivo, nei suoi duelli spietati con Mathieu van der Poel. “

Leggi anche. Wout van Aert guarda indietro con sollievo alla forte maglia tonda e verde: “La nostra tattica ha funzionato molto bene”