QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche la Côte d’Or non vuole più partecipare: gli sponsor dei Red Devils passano la Coppa del Mondo in Qatar

La società di corriere GLS, la catena di supermercati Carrefour e ora il produttore di cioccolato Côte d’Or, tutti e tre gli sponsor dei Red Devils, non porteranno clienti e ospiti alla Coppa del Mondo in Qatar questo autunno. Il motivo è la scarsa situazione dei diritti umani nel paese ospitante.

In qualità di sponsor della nazionale, GLS, Carrefour e Côte d’Or possono ottenere i biglietti per la Coppa del Mondo in Qatar, ma ora hanno deciso di rinunciare a questa opportunità di fare rete in Medio Oriente. “Riteniamo che la Coppa del Mondo non debba essere utilizzata per scopi commerciali”, afferma GLS. Anche il servizio pacchi con sede ad Amsterdam non condurrà campagne di Coppa del Mondo nel nostro paese. La catena di supermercati Carrefour ha annunciato che intende ancora aggirare i Red Devils. Ma non ha nulla a che fare con la Coppa del Mondo.

Pertanto, GLS, Carrefour e Côte d’Or stanno seguendo le orme di ING Netherlands, Dutch Lottery, Albert Heijn, KPN e Bitvavo. Questi cinque sponsor della nazionale olandese hanno annunciato la scorsa settimana che non si recheranno in Qatar. Fino ad allora, a ING Belgium, lo sponsor principale dei Red Devils, è stato chiesto dei loro piani. “È troppo presto per dirlo”, ha detto.

Assicurano al GLS di poter capire che i Red Devils scenderanno sul Qatar. La pressione internazionale sembra aver già portato a delle riforme. Concentrarsi sul Qatar come Paese durante la Coppa del Mondo potrebbe contribuire a ulteriori riforme. Prevediamo che l’approccio della Federazione belga aiuterà il paese ad andare avanti.

La FA ha già dialogato con i suoi sponsor sul Qatar e vuole lavorare solo localmente con aziende che hanno firmato una carta dei diritti umani e delle condizioni di lavoro.

READ  In diretta: l'Anderlecht è un passo più vicino al titolo dopo il bellissimo primo gol di Fatavu | Punteggio Premier League 2021/2022

interessi in Qatar

Altri sei sponsor dei Red Devils sono all’unanimità contrari alla situazione dei diritti umani in Qatar, ma per ora non sono andati oltre che esprimere il loro sostegno e fiducia nel piano del sindacato. La filiale belga della banca ING, del marchio automobilistico BMW, dell’operatore di telecomunicazioni Proximus e della società di consulenza PwC affermano di non aver ancora deciso la loro presenza in Qatar. Lo sponsor dell’abbigliamento Adidas e la società di integratori Herbalife hanno lasciato la questione aperta per il momento. Il marchio di birra Jupiler, la Lotteria Nazionale, il gigante delle bibite Coca-Cola e la società di costruzioni Besix non hanno ancora risposto.

Per alcuni di loro è più difficile di altri prendere le distanze dal Mondiale. Adidas è anche sponsor ufficiale degli organizzatori della Coppa del Mondo FIFA e la stessa Besix ha interessi in Qatar, dove ha costruito la struttura in cemento armato del Doha Exhibition and Convention Centre. È qui che si è svolto il sorteggio della Coppa del Mondo due settimane fa.