QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche l’ispezione ambientale non ha riscontrato problemi con la discarica illegale 3M | interni

L’Ispettorato ambientale non ha riscontrato alcun difetto nel rilascio illegale di FBSA da parte di 3M. Lo dimostra la risposta che l’ispettorato ambientale ha dato ai redattori di VTM Nieuws dopo che mercoledì si sono confrontati con la notizia. Il ministro dell’Ambiente fiammingo Zahal Demir è intervenuto giovedì sera e ha obbligato l’organismo di ispezione a prelevare campioni. Le cose non andarono bene tra Demir e l’Ispettorato per qualche tempo.




“La recente decisione di licenza di 3M non menziona esplicitamente il singolo articolo FBSA. L’attuale legislazione ambientale fiamminga non richiede questa esplicita clausola.” Questa è letteralmente la risposta dell’ispettorato ambientale quando mercoledì gli editori si sono confrontati con la notizia che 3M stava scaricando illegalmente FBSA dannoso nella Schelda. Di conseguenza, l’organismo di ispezione ha riscontrato che non vi era alcun problema che l’azienda chimica americana ammettesse di produrre la sostanza senza ottenere una licenza per farlo.

nessuna misurazione

L’ispettorato non aveva nemmeno intenzione di interferire con 3M. “L’Ispettorato dell’ambiente al momento non dispone di propri risultati di misurazione per FBSA e non possiamo effettuare misurazioni affidabili a breve termine”. In altre parole, l’organismo di controllo non ha effettuato alcuna misurazione perché non poteva analizzare la sostanza.

Tuttavia, l’ispettorato ha iniziato a lavorare giovedì sera e ha prelevato campioni da 3M. A quanto pare questo è successo su richiesta di Saturno Demir, che era allarmato dalla notizia. E questo di per sé è insolito, poiché l’Ispettorato dell’ambiente è un organismo indipendente che non è sotto la guida del Consiglio dei ministri. Ma non è un segreto che per qualche tempo Demir fosse arrabbiato con le autorità ambientali fiamminghe, che non hanno agito contro il gigante chimico 3M.

READ  Lo standard più rigoroso per l'azoto non ha effetto immediato ...

sul serio

Ad esempio, si scopre che la società ha ricevuto solo una sanzione amministrativa di 7.200 euro nel 2019, dopo aver scaricato per anni grandi quantità di PFOS nella Schelda. Inoltre, sembra anche che le varie autorità ambientali non si siano parlate. Ad esempio, l’Agenzia fiamminga per l’ambiente (VMM) non ha trasmesso i risultati della misurazione all’Ispettorato ambientale.

Per diversi mesi, Demir si è descritto come il ministro per il quale la lotta contro 3M è seria. E questo ordine di andare all’Ispettorato corrisponde pienamente a questo ordine. Poiché il dipartimento di ispezione ambientale non era ancora in grado di analizzare i campioni da soli, sono stati inviati a Vito, un’organizzazione di ricerca indipendente. È l’unico nel paese ad avere un laboratorio accreditato.

A Vito, dicono che possono iniziare l’analisi entro la fine della prossima settimana.

Anche dopo lo scandalo PFOS, 3M continua a scaricare sostanze tossiche: “Chiudi quella fabbrica. Subito!” (+)

Gli abitanti di 3M sono storditi dopo che i livelli di PFOS sono aumentati nel loro sangue: “Non ricordo tutto. Cosa dovremmo fare ora?” (+)