QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche l’Italia vuole portare in fabbrica Intel

Il governo italiano è in trattative con Intel per una nuova fabbrica di chip. Germania, Polonia, Francia, Belgio e Paesi Bassi sono già nella lista.

Finora, la Germania è stata il più grande concorrente della nuova industria dei chip Intel. Ma il Benelux viene considerato proprio come la Polonia e la Francia esistenti di Intel.

L’Italia ora è inclusa. Secondo fonti di Reuters Il governo italiano sta lavorando a una concessione a Intel, che include il sostegno del governo e benefici sui costi del lavoro e dell’energia.

Per quanto riguarda la localizzazione, si parla di Torino (Mirafiori), e di Catania in Sicilia, STMicroelectronics esiste già oggi.

Sostegno del governo

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. A seconda del sostegno del governo che l’azienda può ricevere. A maggio, il CEO Pat Kelsinger ha già affermato che la società sperava in una sovvenzione di circa otto miliardi di euro.

Da parte sua, l’Europa è favorevole a molte fabbriche di chip. L’ambizione è quella di aumentare la quota di chip prodotti in Europa da dieci anni al venti per cento, non dovendo quindi dipendere da siti produttivi in ​​Asia o negli Stati Uniti.

Finora, la Germania è stata il più grande concorrente della nuova industria dei chip Intel. Intel, però, sta già valutando Penelax come Polonia e Francia, ora si aggiunge l’Italia. Secondo fonti Reuters, il governo italiano starebbe lavorando a un’offerta per Intel, che include supporto governativo e vantaggi sui costi del lavoro e dell’energia. L’esito di Intel non è ancora chiaro. A seconda del sostegno del governo che l’azienda può ricevere. A maggio, l’amministratore delegato Pat Kelsinger ha osservato che la società sperava in una sovvenzione di circa 8 miliardi di yen, mentre l’Europa è fortemente a favore di più fabbriche di chip. L’ambizione è quella di aumentare la quota di chip prodotti in Europa da dieci anni al venti per cento, non dovendo quindi dipendere da siti produttivi in ​​Asia o negli Stati Uniti.

READ  È così bello aprire deliziosi prodotti alimentari dall'Italia