QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche l’Italia vuole portare in fabbrica Intel

Il governo italiano è in trattative con Intel per una nuova fabbrica di chip. Germania, Polonia, Francia, Belgio e Paesi Bassi sono già sul tavolo.

Fino ad ora, la Germania è stata il più grande concorrente di una nuova fabbrica di chip Intel. Ma Intel considererà Penelox come Polonia e Francia esistenti.

L’Italia ora è inclusa. Secondo fonti di Reuters Il governo italiano sta lavorando a una concessione a Intel, che include il sostegno del governo e benefici sui costi del lavoro e dell’energia.

Per quanto riguarda la localizzazione si parla di Torino (Mirafiori), e Catania in Sicilia, oggi ha già SD Micro Electronics.

Sostegno del governo

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. A seconda del sostegno del governo che l’azienda può ricevere. A maggio, il CEO Pat Gelsinger aveva già notato che l’azienda contava su circa otto miliardi di euro di sussidi.

Da parte sua, l’Europa è favorevole a più fabbriche di chip. L’ambizione è quella di aumentare la quota di chip prodotti in Europa dal dieci al venti per cento entro dieci anni, e dovrebbe dipendere meno dai siti di produzione in Asia o negli Stati Uniti.

Fino ad ora, la Germania è stata il più grande concorrente di una nuova fabbrica di chip Intel. Ma si stanno prendendo in considerazione anche Benelux, Polonia, e già Intel e Francia. L’Italia ora è inclusa. Secondo fonti Reuters, il governo italiano sta lavorando a una concessione a Intel e include il sostegno del governo e benefici sui costi del lavoro e dell’energia. Include Torino (Mirafiori) e Catania in Sicilia. Non è ancora chiaro. A seconda del sostegno del governo che l’azienda può ricevere. A maggio, l’amministratore delegato Pat Gelsinger ha osservato che la società stava già calcolando una sovvenzione di circa otto miliardi di euro. Da parte sua, l’Europa è favorevole a più fabbriche di chip. L’ambizione è quella di aumentare la quota di chip prodotti in Europa dal dieci al venti per cento entro dieci anni, e dovrebbe dipendere meno dai siti di produzione in Asia o negli Stati Uniti.

READ  Centinaia di case sono ora in vendita in questo villaggio italiano ...