QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche nel nostro Paese mancano i ventilatori per le persone con apnee ostruttive del sonno dopo aver richiamato Philips negli USA | interni

Nel nostro Paese mancano anche i ventilatori per i pazienti con apnee ostruttive del sonno. Il motivo è il richiamo di Philips dei respiratori negli Stati Uniti. I nuovi utenti, in particolare, rischiano di essere lasciati fuori al freddo per un po’, spiega lo specialista in polmonite Johan Verbraken di VTM NIEUWS.




Alla fine del mese scorso, Philips ha organizzato un richiamo su larga scala di ventilatori negli Stati Uniti. In altri paesi, incluso il Belgio, si applica solo l’avviso di sicurezza. I rischi per la salute sono causati dalla gommapiuma fonoassorbente incorporata nei dispositivi. Da questo possono essere rilasciate particelle che il paziente può ingerire o inalare.

Il 20 luglio, la FAMHP (Agenzia federale per i medicinali e i prodotti sanitari) belga ha già emesso un avviso sul proprio sito Web su CPAP, BiBAP e ventilatori di Philips. Afferma che sono stati segnalati problemi di sicurezza, ma che non vi sono gravi rischi acuti per la salute associati all’uso dei dispositivi. I medici consigliano ai loro pazienti di continuare a utilizzare i loro dispositivi in ​​quanto non esistono alternative. “Non posso più fare a meno di questo dispositivo”, testimonia un paziente di VTM Nieuws. “Se smettessi di usare il dispositivo, probabilmente non raggiungerei i 75 anni, perché i miei organi e il mio corpo soffrirebbero di una mancanza di ossigeno”.

Nel nostro Paese, 150.000 persone con apnee notturne utilizzano un ventilatore. Ogni anno vengono aggiunti altri 10.000 pazienti, ma ora rischiano di essere esclusi a causa del freddo. Poiché Philips controlla circa il 50 percento del mercato, il riscatto negli Stati Uniti provoca carenze anche nel nostro Paese. “Se Philips non può fornire i dispositivi, i centri del sonno passeranno a dispositivi di altri produttori, che riescono a malapena a tenere il passo con la produzione. Ciò sta causando carenze”, afferma il professor Johan Verbriken, coordinatore medico del Centro del sonno presso l’UZ di Anversa. Attualmente, i pazienti che sono disabilitati dai loro dispositivi stanno ancora ricevendo aiuto, ma al momento è diventato molto difficile operare tutti i pazienti che vogliono iniziare con una macchina CPAP”.

READ  Il prezzo di Bitcoin (BTC) conferma supporto e hack, Solana (SOL) e questo Altcoin supera le prestazioni » Crypto Insider

Il tossicologo Jan Tytgat (KU Leuven) consiglia ai pazienti che utilizzano questo dispositivo Philips di controllare i propri dispositivi per assicurarsi che tutto sia adeguatamente protetto. “Le particelle di PUR che vengono rilasciate possono, a seconda del diametro, finire nelle vie aeree profonde”, spiega. Il paziente può quindi sviluppare asma, problemi respiratori o persino reazioni infiammatorie oltre al mal di testa. A lungo termine, non si può escludere la possibilità che queste reazioni infiammatorie si trasformino in cancro, quindi dobbiamo stare attenti con loro”.

Leggi anche: “L’apnea notturna è un killer silenzioso, ti sfinisce totalmente”: il professore racconta quali sono le lamentele e cosa puoi fare al riguardo(+)