QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ancora amputazioni, deturpazioni e cecità a causa di cure ritardate a causa di Corona

“Le persone con i piedi feriti non vanno dal dottore. E se non vai dal dottore con quello, la ferita diventa sempre più profonda e anche l’osso sottostante si infiamma. Questo è molto difficile da trattare”, afferma Schord Polstra, presidente dell’Associazione Ortopedica Olandese Rimandando a lungo le operazioni, le persone continuano a risolvere un problema per molto tempo, dopodiché l’amputazione è l’unica cosa possibile. Questo è molto preoccupante”.

Nessuno spazio extra

Una vittima delle cure tardive è Rita Vonk-Martens di Pijnacker. Era in attesa di un intervento chirurgico al ginocchio da un anno. “Senza l’aura, sarebbe stato il mio turno molto tempo fa. Devo essere turbato.”

“Un anno fa ero in ospedale per una scansione cardiaca e ho discusso di tutto con il chirurgo. Mi ha detto che avrebbe fatto squadra e che avrei ricevuto un messaggio in una settimana. Ma poi c’è stato silenzio per settimane. Gli IC erano affollato e non c’era più spazio per me. Quando ho chiamato mi hanno detto che ci stavano lavorando”, dice Rita.

Priorità dei pazienti Corona “ingiusta”

Aspettare un anno ha gravi conseguenze per la salute di Rita. “Sono stato su una sedia a rotelle tutto il giorno adesso. Sto cercando di andare dal soggiorno al bagno con il deambulatore, ma non ce la faccio più. Fa così male, sto arrivando. “

Rita ritiene che l’intervento chirurgico non sia al momento possibile, dopo aver visto aumentare nuovamente il numero dei contagi. “Si riempiono di nuovo i circuiti integrati, si torna a dare priorità ai pazienti Corona. Non credo sia più giusto, perché se quelle persone avessero preso un vaccino, non sarebbero finite in centro. Intanto”.

READ  Il rischio di trombosi con la pillola anticoncezionale non è chiaramente riportato.

Riduci le ore di consulenza

Schord Polestra vede entrare in ospedale persone in cattive condizioni. “Escono anche peggio”, dice. Diversi medici di solito guardano cosa sta succedendo. “E poi qualcosa si fa in tempo.”

Ma ora vede le ore di consultazione dell’ospedale ridotte. “E poi i pazienti non osano e in realtà arrivano troppo tardi. Prima di Corona, ad esempio, i medici cercavano di prevenire l’intervento chirurgico attraverso la terapia fisica. Ma a causa di Corona le persone non potevano andare da un fisioterapista”.

Molti trattamenti tardivi

Secondo Prolestra, si verifica nelle persone con osteoporosi, ma anche nei processi di cataratta. “Hanno tutti smesso di funzionare e quindi questi pazienti sono funzionalmente ciechi. Ciò si traduce anche in una minore mobilità, che porta a disturbi secondari. Internisti e urologi vedono anche i loro pazienti in lista d’attesa peggiorare”.

“Le persone con scoliosi hanno anomalie e gli urologi vedono complicazioni nei loro pazienti, ad esempio se il catetere non viene rimosso in tempo”, continua il suo riassunto. “Ma anche le ricostruzioni del seno. Potrebbe non essere in pericolo di vita, ma è molto deturpante. La perdita della qualità della vita significa che le persone soffrono psicologicamente, il che è seriamente significativo. Alla fine costa anche molti soldi extra”.

gruppo invisibile

Prolstra comprende la frustrazione di pazienti come Rita. “È un gruppo quasi invisibile”, dice. “Ora sono indifesi da un lato”.

“Ci sono più di 200.000 operazioni posticipate, di cui da 40.000 a 45.000 interventi ortopedici. Nel 2020 ci sono 14.000 interventi chirurgici all’anca in meno e altri 8.000 in meno nel 2021. Quindi si parla solo di articolazioni dell’anca e del ginocchio”.

READ  Scopri migliaia di nuovi batteri e virus