QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ancora non immune, Kyrie Irving è tornato: “Sono grato” | NBA

Kyrie Irving è un giocatore NBA, ma il mago della palla dei Brooklyn Nets deve ancora giocare in questa stagione. Lo Stato di New York impone la vaccinazione per le attività indoor e Irving è un convinto oppositore del vaccino.

Poiché i Nets non potevano fare affidamento sul loro regista per le partite casalinghe, la squadra decise all’inizio della stagione di interrompere del tutto Irving.

Ma dopo pochi mesi, Irving può ora prepararsi per l’inizio della sua stagione, ironia della sorte l’NBA è stata devastata dal coronavirus. Molti giocatori sono stati o sono ancora in quarantena e molte partite sono già state rinviate per mancanza di giocatori.

A causa di questa difficile situazione, Brooklyn ha deciso di riabbracciare Kyrie Irving. Il regista non è ancora autorizzato a giocare in tutte le partite nello Stato di New York.

Riguarda tutte le partite casalinghe dei Nets e le partite di andata con i New York Knicks. Anche a Toronto non può giocare come non protetto a causa del procedimento in Ontario, Canada. Quindi sarà un lavoro part-time per il 29enne.

La prima partita per la quale Irving si qualificherà sarà l’andata contro l’Indiana il 5 gennaio. “Ho dormito a malapena stanotte”, dice Irving. “Mi mancava il basket. Conoscevo le conseguenze, anche se non ero pronto per loro. Ho rispettato la decisione di non giocare. Ora sono gratoSpero di esserci ancora”.

READ  Eden Hazard torna per la tredicesima (!)