QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ancora una volta Vanheisbrouck lancia l’allarme: “Bisogna investire, altrimenti non riusciremo a tenere il passo”.  Jupiler Pro League

Ancora una volta Vanheisbrouck lancia l’allarme: “Bisogna investire, altrimenti non riusciremo a tenere il passo”. Jupiler Pro League

“Darai la pace agli altri, ma non a me. Ha suonato l’allarme un anno e mezzo fa”.

Hein Vanhaezebrouck non è molto contento del biglietto europeo per il suo club. Per il terzo anno consecutivo, T1 riesce a guidare KAA Gent in Europa. Questo lavoro sembra diventare sempre più difficile per Vanheisbrouck stagione dopo stagione.

“Vedo investimenti ovunque in altri club. Ne stiamo parlando, ma sono qui da due anni e mezzo… sembra che l’investimento non vada a buon fine”.

“Spero che passino”, avverte, “altrimenti non possiamo più andare”. “Gli altri stanno solo investendo: aumento di capitale dopo aumento di capitale. Stanno scappando da noi”.

“Abbiamo di nuovo diritto all’Europa. Questo porta la pace ora, ma non è abbastanza per il futuro…”

Quindi la chiamata di Van Heisbrouck è stata chiaramente formulata in otto parole: “Ci deve essere un’iniezione di capitale nel club”.

Ma quando arriverà un’altra domanda da porsi. “Non ne ho assolutamente idea. Non so se qualcuno sarà qui domani, ci vorranno altri cinque anni prima che arrivi qualcuno”.

“Se non succede nulla, ti può ancora essere chiesto di arrivare al primo playoff. Ma questo non funzionerà più”, lo vede cupamente T1. “Tenere le cose in riga non funzionerà. Perché? Perché la concorrenza ci sta scappando.”

I problemi finanziari darebbero fastidio a molti allenatori. Tuttavia, HVH non guarda disperatamente al futuro. “Il mio compito è tirare fuori tutto dal girone e soddisfare le aspettative della dirigenza. Ciò significa uno spareggio I, un biglietto per l’Europa e una buona pista in Europa”.

READ  Il trasferimento che apre vecchie ferite: l'odio della Juventus a Firenze torna a bollire | Serie A italiana

Ha concluso con una nota positiva: “Conoscono Gand in Europa, guarda. Abbiamo fatto sentire la nostra voce”. “Sono troppo vecchio per scoraggiarmi facilmente.”