QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anni dopo l’epidemia, le persone stanno ancora morendo di febbre Q

Le persone continuano a morire a causa degli effetti della febbre Q cronica. Lo hanno riferito i ricercatori dell’ospedale Jeroen Bosch di Den Bosch e del Radboud Hospital di Nijmegen, tra gli altri. Dal 2018 sono morti 21 pazienti.

Ciò porta il numero totale di persone morte a causa della febbre Q a 116. “Questi dati mostrano che i focolai possono causare nuove vittime per molto tempo”, hanno concluso i ricercatori.

La più grande epidemia di febbre Q nel mondo è iniziata nel 2007 nel villaggio di Herpen, nel Brabante orientale. Tra 50.000 e 100.000 persone sono state infettate dal batterio della febbre Q, molte delle quali originarie del Brabante. Può essere trasmesso da pecore e capre all’uomo. Nella maggior parte delle persone, i batteri scompaiono dai loro corpi nel tempo, ma alcuni pazienti sviluppano un’infezione cronica.

Febbre Q cronica
Nel database nazionale della febbre Q cronica sono stati arruolati 585 pazienti con diagnosi o con probabilità di avere la febbre Q cronica. Dal 2018 sono state aggiunte 66 persone. I ricercatori dicono che questo è abbastanza sorprendente. Non è chiaro quante persone coinvolte provengano dal Brabante.

I ricercatori ritengono che il numero reale di infezioni croniche e decessi sia probabilmente più alto. Poiché la febbre Q cronica è una malattia relativamente sconosciuta, secondo loro spesso manca una diagnosi corretta. Le persone con questa condizione cronica possono sviluppare complicazioni cardiovascolari.

Leggi anche: 6 anni e 3 anni di febbre Q: Emma a letto per mezza giornata

READ  L'Europa invita i Paesi a vaccinare più velocemente: "Altrimenti farà...