QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anversa al Kosovo con un coltello in gola: ‘Vincere è d’obbligo o avrà un impatto finanziario’ | Lega Conferenza

Molti tifosi dell’Anversa speravano in un tranquillo riscaldamento della stagione europea con Drita, ma il Great Old non è stato sorprendentemente in grado di prendere le distanze dal Kosovo all’andata. “È stato dimostrato ancora una volta che non c’è partita facile”, ha detto Sven Jacques, direttore generale degli Spurs.

“Non è stato sicuramente un problema mentale, perché domenica scorsa abbiamo visto che andava bene. Abbiamo anche iniziato molto bene, la palla non è entrata. Poi hanno tirato una doppia cintura e c’era un po’ di spazio per noi”.

“Dovremo correggere questo in Kosovo giovedì. Non si tratta di ‘puoi’ ma ‘devono’. Soprattutto con la squadra che siamo ora e le ambizioni che abbiamo espresso. La qualificazione al prossimo turno è d’obbligo, altrimenti abbiamo perché aggiustiamo i nostri obiettivi”.

Questo obiettivo rimane la fase a gironi. “Non viviamo solo con alcune partite del turno preliminare. Noi come squadra non ci stiamo sviluppando da quello. Non è facile arrivare alla fase a gironi se devi superare 3 turni preliminari”.

“Preferiresti non giocare quei turni preliminari, perché sono partite difficili, non ci sono manifesti accattivanti e lo spostamento è troppo costoso. Non c’è modo di realizzare un profitto”.

Uscire è sempre difficile. Sembra essere uno scherzo. Ma secondo Sven Jake, questo è in linea con la realtà. “Mi aspetto un’accoglienza molto calorosa, nel senso che non ci daranno un’accoglienza molto calorosa. Sai che le condizioni non saranno ideali”.

È una vergogna se lascio che Anversa si liberi di se stessa? “Se è una tale disgrazia, dovremmo chiamare il nostro corso negli ultimi cinque anni un mezzo miracolo. Non mi piacciono le parole grosse come quelle”.

READ  Per la terza volta fortunata per LeClise, si qualifica per le semifinali dei 200 rana | le Olimpiadi

“Sappiamo bene che dobbiamo a noi stessi e ai tifosi andare avanti, altrimenti dovremo ricaricare venerdì”.

L’Anversa ha basato il suo budget per la stagione sulla base della fase a gironi della Conference League. Dal punto di vista finanziario l’esclusione avrà un impatto, ma non ne abbiamo tenuto conto nei trasferimenti che abbiamo fatto finora”.

“Se usciamo, questo determinerà l’ulteriore percorso del Mercato. Speriamo di non doverlo riconsiderare. La partita di domenica scorsa ci ha dato la necessaria fiducia”.