QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Approvato finalmente il piano frequenze DAB+ – RadioVisie

In Italia, l’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni Agcom ha approvato un nuovo piano nazionale di spettro per DAB+ “definitivo preliminare”. Si tratta di un importante passo avanti per il Paese poiché il settore lo richiede da vent’anni.

L’Italia lavora da anni con un piano di frequenze avanzato in Banda III (DAB+) che è stato afflitto da molti problemi. Di conseguenza, le due tazze commerciali nazionali non riescono ancora a ottenere una solida copertura ovunque. Non c’è spazio per il rilascio del DAB+ regionale.

Negli ultimi anni si è assistito ad un graduale miglioramento in questo, con passaggi intermedi, grazie alla riedizione dei canali precedentemente assegnati al DVB-T (paragonabile al canale 10 nelle Fiandre). Tuttavia, abbiamo dovuto aspettare un programma ottimizzato e coordinato a livello internazionale.

Questo è stato il problema principale in quegli anni di integrazione internazionale con una decina di paesi vicini. Soprattutto i paesi del nord Italia – sulla costa adriatica – erano e sono tuttora difficili, ma l’Italia ha deciso di non aspettare oltre.

In particolare, alcuni paesi vogliono approvare formalmente il consolidamento delle frequenze DAB+ con l’Italia solo se prima c’è un accordo sulle frequenze FM. Tuttavia, il problema FM si trascina da decenni e non sarà mai risolto. Ecco perché il nuovo piano delle frequenze digitali avrà ancora ufficialmente lo status di “provvisorio”, ma in pratica verrà utilizzato come “definito”.

Lo schema offre tre multiplex SFN nazionali con uguale copertura. Inoltre, sono forniti almeno tre livelli per DAB+ locale in ciascuna regione. In alcune aree correlate, può arrivare anche a sette. Secondo le prime reazioni ufficiali, il progetto è stato accolto con grande entusiasmo nel settore radiofonico.

READ  Vuoi partecipare al Padiglione Olandese alla Fiera Italia?

DAB Italia, operatore di uno dei due trade muck nazionali e uno dei maggiori critici negli anni del governo, definisce il piano “completo, fattibile e sostenibile”, pur ritenendo che non si cercheranno ragioni specifiche. Nuove manovre di decelerazione.