QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Arrabbiato Hakimi chiede un risarcimento a Infantino nelle catacombe, ma si scusa | Coppa del Mondo FIFA 2022

Achraf Hakimi si è scusato con il presidente della FIFA Gianni Infantino per il suo comportamento dopo la sconfitta nella finale di consolazione dei Mondiali. Hakimi si sarebbe lamentato dell’arbitro mentre si recava negli spogliatoi dopo la partita contro la Croazia, a pochi centimetri dal volto di Infantino.

Le decisioni arbitrali nella piccola finale tra Croazia e Marocco fanno spesso male agli occhi. L’arbitro capo Abdulrahman Al Jassim – forse non a caso un qatariota – ha perso completamente il controllo e non è stato aiutato dal VAR.

Un netto calcio di rigore per la Croazia non è stato fischiato e il più delle volte i cartellini gialli sono rimasti in tasca. La Croazia non ha ricevuto un solo cartellino e il Marocco si è ritrovato con due cartellini gialli.

La Croazia non si è lasciata entrare nel cuore dopo essere arrivata terza. Era un po’ diverso con i frustrati marocchini. Un certo numero di giocatori ha molestato categoricamente l’arbitro, Abdul Rahman Al Jassim.

Infantino è mio amico e lo rispetto molto. Non è successo niente.

Ashraf Hakimi

Achraf Hakimi ha aperto la strada con un comportamento discutibile nei confronti dell’arbitro. E non si è fermato qui.

Il terzino destro del Paris Saint-Germain ha presentato un forte reclamo al presidente della FIFA Gianni Infantino mentre si recava negli spogliatoi, ma poi si è scusato.

I giornalisti presenti nelle catacombe dello stadio Khalifa Hakimi hanno visto nascere lo spagnolo, che lo ha alzato stando “a meno di due centimetri” da Infantino e “alzando la voce” sull’arbitro.

“Non è successo niente. Ero arrabbiato, ma poi sono andato da lui e mi sono scusato per le parole che gli avevo detto”, ha detto Hakimi ai media marocchini.

READ  Coppa del Belgio: Ostenda è un'altra semifinalista contro il Limburg United | Pallacanestro

“Infantino è mio amico e lo rispetto molto. Non è successo niente”.