QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ascolta De Tribune in primavera: “Voglio ancora vedere Jumbo-Visma cancellarlo tutto” | Ciclismo

Sei già sotto pressione per iniziare la stagione ciclistica belga? Non preoccuparti: Karl Vannieuwkerke, José De Cauwer e Thijs Zonneveld ti danno l’ultima spinta sullo speciale di primavera di De Tribune.

Naturalmente, anche gli analisti non possono perderlo: Jumbo-Visma ha fatto un’importante iniezione qualitativa nel suo nucleo primaverile. “E anche quello era necessario”, suona nel nostro podcast.

Tiesj Benoot è uno dei nuovi pilastri del leader Wout van Aert. Il suo ruolo è limitato al servitore del lusso? «No», disse Karl Vanneukerek chiaramente.

“Può essere il Leader Ombra in sicurezza e può farla finita in questo modo. Forse questo è anche il trasferimento della sua vita per lui.”

Thijs Zonneveld aggiunge: “Benoot ha fatto un enorme cambiamento nel suo modo di pensare”. “Questo cambiamento potrebbe dargli una grande vittoria prima che se dovesse farlo come leader del DSM”.

Preparazione impeccabile al Wout van Aert? Non guidi una molla senza che succeda qualcosa: una gomma a terra, un incidente, una tosse, corona, … Per quanto riguarda quest’ultimo, sarà una molla dura per molti mentalmente.

José de Quere

Lo Spring Core non ha ancora gareggiato intorno a Van Aert ed è stato a Tenerife nelle ultime settimane, ma le aspettative sono alte. “Ma mi piacerebbe anche vedere che cancellassero tutto”, suggerisce Vanukurki.

Quindi non abbiamo ancora un riferimento. Zonneveld: “In Jumbo-Visma si vede l’opposto, diciamo, di Lotto-Soudal. Si stanno ancora allenando e vogliono essere presenti nelle gare a cui danno importanza”.

“E Van Aert sa che sarà giudicato al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaix”, affermano gli ospiti del podcast.

READ  In che modo gli sponsor di Anversa vedono la data di Overmars? 'Non è una nostra scelta' | Jupiler Pro League

“Penso che Wout van Aert abbia ancora quel segno di spunta dall’anno scorso a Ronde e stia pensando: ahh…”, dice José De Cauwer. L’anno scorso è stato pubblicato su Oude Kwaremont da Mathieu van der Poel e Kasper Asgreen.

Sembra che i suoi preparativi siano andati senza intoppi dopo un inverno stellare di motocross.

“Ma non guidi una molla senza che succeda qualcosa: una gomma a terra, un incidente, una tosse, corona, … per quanto riguarda quest’ultimo, sarà una primavera mentalmente dura per molti”.

(Leggi sotto il post di Instagram)

“Se Van der Poel guida, segue chi può seguire”.

Il blocco Jumbo-Visma è stato pesato contro l’eterno gruppo di Patrick Lefevere in tutte le anteprime. Quick Step-Alpha Vinyl è stato superato dagli olandesi e hanno un asso nella manica?

Secondo i nostri analisti, Kasper Asgreen è l’attaccante di The Wolfpack. “Falso lento”, rappresenta José de Coeur dopo la sua vittoria a Oudenaarde l’anno scorso.

“Davvero non deve più dimostrare nulla e quello che vedi con i danesi e i norvegesi: con noi è vita o morte, gli scandinavi sono più calmi. Come questo attacco di Asgreen all’E3 Harelbeke dopo che è già stato catturato: Fleming non non osare.”

Secondo Thijs Zonneveld, la battaglia tra le due grandi squadre sta o cade con la presenza o l’assenza di Mathieu van der Poel. “Sarà diverso dagli anni precedenti a causa della sua assenza”, ha aggiunto.

“Nelle ultime stagioni, molto è andato tatticamente su di lui: quando partirà e come dovresti distruggerlo? Se Van der Poel non partecipa, sarebbe una mossa molto più veloce contro Van Aert”.

“In passato è sempre stata una mossa veloce contro Van Art e Van der Poel. Avevano bisogno l’uno dell’altro per colmare le lacune. Ora è una storia diversa”.

“Van Aert avrà bisogno della sua squadra, altrimenti sarà una mossa veloce contro Van Aert e poi dovrà perdere contro l’offerta di questa squadra”.

José De Cauwer ha un altro commento: “Se Matthew van der Poel corre fino in fondo, la larghezza o il numero di servitori nelle altre squadre non contano. Quindi si tratta di tenere traccia di chi può seguire”.

Era una mossa veloce contro Van Art e Van der Paul. Avevano bisogno l’uno dell’altro per colmare le lacune. Ora è una storia diversa.

Thijs Zonneveld

Nel nostro podcast scoprirai anche…

  • Cosa c’è nello zaino Karl Vannieuwkerke
  • Chi è il primo candidato per Milano – Sanremo
  • Quale squadra dovrebbe essere consapevole della cieca euforia
  • Come Alpecin-Fenix ​​fatica ancora per una diagnosi accurata su Mathieu van der Poel
  • Chi è una manna dal cielo per l’allenatore della nazionale Sven Fanthornhout
  • Quale debuttante è uno dei migliori candidati per il Giro delle Fiandre
  • Cosa gli ha insegnato Carl Vanneukerke Refueling sul contratto di Peter Sagan
  • Quale piccolo pony dovrà scegliere
  • Chi non si distinguerà nella stessa direzione del 2021
  • Che non devono più aspettare che gli altri aprano le loro nuvole
  • E come Thijs Zonneveld ha deciso di discutere del sesto monumento

Ascolta la Tribuna

Puoi anche ascoltare i podcast nell’app Sporza, toccando “podcast” nella parte superiore della navigazione.