QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

AstraZeneca: “Abbiamo risposto in tempo al messaggio dell’Unione europea”

AstraZeneca, il gruppo farmaceutico britannico-svedese, ha trasformato i non udenti delle Indie orientali in una richiesta europea di chiarimenti sulla lenta consegna del vaccino in Europa. Lo hanno scritto questo fine settimana il quotidiano economico francese Les Echos e il quotidiano italiano Corriere della Sera. Domenica sera AstraZeneca ha smentito questo rapporto.

L’Unione Europea e AstraZeneca sono da tempo in rotta di collisione. Il British-Swedish Medicines Group è stato arrabbiato con i responsabili politici europei per non aver adempiuto ai loro impegni di fornire vaccini Corona all’Unione europea negli ultimi mesi. Invece dei 120 milioni di dosi concordate, l’Unione Europea ha ricevuto solo 30 milioni di unità nei primi mesi del 2021.

In una lettera ad AstraZeneca del 19 marzo, la Commissione Europea ha espresso la propria insoddisfazione per la lentezza nell’erogazione del vaccino. Sandra Galina, capo della direzione generale della salute e della sicurezza alimentare, si è lamentata secondo i francesi: “ AstraZeneca ha violato i suoi obblighi contrattuali di produrre e fornire 300 milioni di dosi iniziali all’Europa e l’azienda continua a non rispettare questi obblighi ”. ‘ Il quotidiano economico Les Echos e il quotidiano italiano Corriere della Sera nella lettera a.

Bruxelles accusa il gruppo Medicines di non fare “i migliori sforzi possibili” per adempiere ai suoi obblighi. “Questo è in modo ingiusto e incomprensibile”, secondo i due giornali, secondo la lettera.

Capacità produttiva

Tuttavia, AstraZeneca non ha mai segnalato problemi di fornitura, “che è ciò che l’azienda doveva fare per contratto”. Nella lettera Galina osserva: “Non ha mai invocato la forza maggiore”. “Al contrario, AstraZeneca ha confermato in un rapporto sullo stato di avanzamento pubblicato il 19 gennaio di essersi assicurata la sua capacità di approvvigionamento e ha chiarito al gruppo che non vedeva rischi importanti che le avrebbero impedito di adempiere ai suoi obblighi”.

READ  Il CEO di Tesla Elon Musk e il CEO di Twitter Jack Dorsey discuteranno domani di Bitcoin (BTC) » Crypto Insider

Nella lettera, Bruxelles accusa nuovamente AstraZeneca di “non utilizzare la sua piena capacità di produzione, comprese le sedi nel Regno Unito”. Negli ultimi mesi si è appreso che nessuno dei vaccini prodotti nel Regno Unito è stato esportato in Europa, mentre i vaccini AstraZeneca sono stati spediti dall’Europa sull’altra sponda del canale.


AstraZeneca ha violato i suoi obblighi contrattuali di produrre e fornire 300 milioni di dosi iniziali in Europa e l’azienda continua a non rispettare questi obblighi.

Sandra Galina

Capo della Direzione generale della salute e della sicurezza alimentare nell’Unione europea

Nella lettera del 19 marzo, Galina ha concesso al gruppo farmaceutico britannico-svedese “20 giorni per correggere le violazioni del contratto”. Il termine è scaduto da due giorni, ma AstraZeneca non ha ancora risposto alla lettera, hanno riferito Les Echos e de Corriere.

La compagnia farmaceutica si è opposta a quella lettera domenica sera in un’e-mail a Reuters, l’agenzia di stampa britannica. “Possiamo confermare che abbiamo risposto all’UNHCR entro i tempi stabiliti e che il nostro team ha avuto un buon incontro con la commissione la scorsa settimana”, ha detto nell’e-mail Matthew Kent, Direttore delle relazioni con i media globali di AstraZeneca.

dialogo

Un portavoce della Commissione europea aveva precedentemente confermato a Reuters il 19 marzo che una lettera era stata inviata ad AstraZeneca il 19 marzo. “Era un avviso di risoluzione delle controversie”. Il portavoce lo ha descritto come un primo passo verso il dialogo per risolvere la questione.

“Stiamo ancora aspettando gli ingredienti necessari. Ci terremo in contatto con AstraZeneca per garantire che le dosi adeguate vengano consegnate in modo tempestivo”.

Secondo il contratto che l’Unione Europea ha stipulato con la società, in caso di controversia, una delle parti deve prima sollevare la questione con una lettera. “Venti giorni dopo questa notifica scritta, le due parti dovrebbero incontrarsi e cercare di risolvere la controversia attraverso negoziati in buona fede”, ha aggiunto.