QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aumentano i ricoverati vaccinati, ‘fattori totali’

Secondo Alma Tostman, epidemiologo del Radboudumc, la percentuale crescente di persone che sono state vaccinate in ospedale è dovuta principalmente al virus che si è recentemente diffuso rapidamente tra gli anziani. Tu parli di un importo.

“In estate abbiamo visto contagi soprattutto tra i giovani, e ora la malattia si trasmette agli anziani. E hanno comunque maggiori possibilità di finire in ospedale, anche dopo la vaccinazione. Inoltre il vaccino funziona un po’ meno sulle persone anziane rispetto alle persone anziane “Giovani”. Ciò si riflette nei numeri: le persone vaccinate che vengono ricoverate in ospedale sono molto più anziane (di 77 anni) rispetto alle persone non vaccinate (di 59 anni).

L’efficacia del vaccino – quanto bene funziona – non è cambiata da luglio a ottobre, secondo RIVM: il vaccino protegge il 94% dal ricovero in ospedale e il 97 percento dal ricovero in terapia intensiva. Nel gruppo di età pari o superiore a 70 anni, il farmaco era leggermente meno protetto: l’89 percento contro il ricovero e il 95 percento contro il ricovero in terapia intensiva.

La possibilità di essere accettati è nove volte superiore

Sebbene il vaccino funzioni meno bene negli anziani, la stragrande maggioranza degli anziani che finiscono in ospedale con il coronavirus non riceve mai una dose. “La possibilità di accettazione nelle persone non vaccinate era nove volte superiore rispetto alle persone vaccinate di età pari o superiore a 70 anni”, ha scritto RIVM.

Tostmann vede anche la tendenza nazionale in Radboudumc. “Qui vediamo ancora principalmente persone non vaccinate in ospedale, ma anche persone che sono state vaccinate. Hanno un problema immunitario sottostante che impedisce al vaccino di funzionare, oppure sono più anziane e quindi più a rischio”.

READ  Focolaio mortale del virus Marburg in Guinea

Tostman chiama lo spostamento di sempre più persone vaccinate negli ospedali, dati gli attuali tassi di infezione. Nonostante l’aumento del numero di persone vaccinate negli ospedali, l’attuale tasso di vaccinazione dell’84 percento ha un significativo effetto scoraggiante. “Per ogni persona vaccinata che ora è in ospedale con il virus, venti persone avrebbero mentito”.

Prezzo booster

Il fatto che gli anziani siano sempre più esposti al virus e di conseguenza finiscano in ospedale più spesso perché ci sono più infezioni nella comunità in generale, afferma Chantal Bleecker Rovers, internista al Radboudumc. . “Più contagioso che nelle ondate uno e due.”

In parte a causa dell’alto tasso di infezione, non è chiaro quanto sia alta la percentuale di persone vaccinate per sopprimere completamente la corona. “Dobbiamo fare affidamento sul fatto che avremo bisogno di alcune procedure fino alla primavera per assicurarci di non avere così tante infezioni che si aggiungono all’onere delle cure”.

“E devi guardare chi sta riducendo l’efficacia del vaccino”, afferma Bleecker Rovers. Ecco perché gli anziani verranno nei prossimi mesi Idoneo per una dose di richiamo. Ieri, il rapporto ha mostrato che oltre agli anziani e ai più vulnerabili, anche le persone di età inferiore ai 60 anni potrebbero beneficiare di tale vaccino a lungo termine. Conferenza stampa del gabinetto uscente.

Bleeker-Rovers conferma che i vaccini funzionano molto bene. “Se non li avessimo, avresti casi come la Romania, dove il tasso di vaccinazione è molto basso e ci sono molti ricoveri. Di certo non avremmo la libertà che abbiamo ora”.

READ  Principesse che vogliono punzecchiare Corona: la loro “decisione” interna