QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aung San Suu Kyi comparirà in tribunale lunedì | all’estero

Aung San Suu Kyi, l’ex leader del Myanmar che è stato estromesso da un colpo di stato militare, sarà processato da lunedì (ora locale). E la giunta militare del sud-est asiatico ha mosso diverse accuse contro di essa.




Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, è stata arrestata la mattina del 1° febbraio. La giunta militare l’ha accusata di tutto, dal possesso illegale di radio all’incitamento al disordine pubblico e alla violazione della legge sui segreti di Stato. Giovedì scorso è stata accusata di corruzione. Avrebbe ricevuto mezzo milione di dollari e decine di chilogrammi d’oro come tangente.

Il suo team legale ha detto in precedenza che il primo processo doveva iniziare lunedì 14 giugno nella capitale, Naypyidaw. In un secondo procedimento, sempre a Naypyidaw, si svolge da martedì 15 giugno il processo ad Aung San Suu Kyi. È lì dalla parte dell’ex presidente Win Myint a causa della “ribellione”.

Gli avvocati dicono che le cause si concluderanno alla fine di luglio. Potevano consultarsi con i loro clienti per mezz’ora.

Aung San Suu Kyi non sarà processata fino a tardi per accuse più gravi di violazione di una legge dell’era coloniale sui segreti di Stato. Questa operazione avverrà a Rangoon, l’antica capitale. Una data per quel processo non è stata ancora fissata.

“mostra operazioni”

Gli osservatori parlano di “display”. Secondo David Matheson, un analista indipendente, il regime militare sta “tentando di screditare un leader eletto democraticamente con accuse inventate”.

Aung San Suu Kyi è agli arresti domiciliari da 15 anni sotto i precedenti regimi militari. È stata rilasciata nel 2010. Ma se ora viene dichiarata colpevole, potrebbe essere nuovamente bandita dalla vita politica e passare anni in prigione.

READ  Un nuovo record di morti per Corona in Russia per il terzo giorno consecutivo fuori dal Paese

Dal colpo di stato è stata costretta a restare a casa. Secondo uno dei suoi avvocati, Min Min Sui, “non ha accesso alle informazioni, ma gode di buona salute”. Dal suo arresto, ha potuto incontrare il suo avvocato solo due volte.

proteste

Ci sono ancora manifestazioni quasi quotidiane in Myanmar contro il golpe militare. Anche l’economia è stata paralizzata da scioperi su larga scala. Si intensificano gli scontri tra esercito e gruppi etnici ribelli. Il colpo di stato ha posto fine a una rottura democratica decennale.

Il movimento di protesta è stato brutalmente represso dai servizi di sicurezza. Secondo l’Associazione per l’Assistenza dei Prigionieri Politici (AAPP), negli ultimi mesi sarebbero morti circa 850 civili nella repressione, compresi bambini e donne. Si dice anche che ci fossero più di 4.500 persone nel dungeon. Le ONG hanno riferito di esecuzioni nell’ambito della Beach Law e di torture e stupri di donne.

Aung San Suu Kyi è sempre stata vista come un’icona democratica, come Nelson Mandela, Gandhi o Martin Luther King. Ma negli ultimi anni, la sua immagine è stata offuscata dopo il dramma con la minoranza musulmana Rohingya. Centinaia di migliaia di loro sono stati costretti a fuggire nel vicino Bangladesh nel 2017 per sfuggire alle atrocità dell’esercito.