QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Banca Mondiale: “i prezzi dei prodotti di base restano alti fino a fine 2024” | NOVITÀ Instagram VTM

I prezzi delle materie prime di base come energia e cibo sono aumentati notevolmente a causa della guerra in Ucraina. Secondo la Banca mondiale, rimarrà elevato per diversi anni, forse fino alla fine del 2024.

“La guerra ha scioccato e colpito il commercio, la produzione e il consumo in tutto il mondo”, ha affermato in un rapporto martedì. Ad esempio, il prezzo di alcuni prodotti alimentari come il frumento e l’olio di girasole, di cui Russia e Ucraina sono i principali produttori su scala mondiale, è aumentato al tasso più veloce dal 2008. D’altro canto, i prezzi dell’energia hanno registrato la crescita più forte l’anno scorso dalla crisi petrolifera degli anni ’70.

Lo spettro della stagflazione

A livello globale, questo è il più grande shock di prezzo da quel periodo. Lo shock è stato aggravato dalle ulteriori restrizioni commerciali che sono state imposte.La Banca Mondiale teme che stia emergendo “lo spettro della stagflazione”, un fenomeno di alta inflazione combinato con un fenomeno economico di deflazione.

La Banca Mondiale prevede che i prezzi dell’energia saranno superiori del 50% quest’anno rispetto allo scorso anno, quando sono quasi raddoppiati, prima di diminuire leggermente nel 2023 e nel 2024. La Russia è uno dei principali esportatori di petrolio, ma i paesi occidentali non vogliono acquistare di più il petrolio russo perché Invasion dell’Ucraina. Combinato con l’abbandono delle compagnie petrolifere come Shell e BP dalla Russia, ciò significa meno investimenti nel settore petrolifero del paese, lasciando il paese meno in grado di pompare e il petrolio disponibile rimane scarso.

olio costoso

I ricercatori della Banca mondiale stimano anche che i paesi petroliferi dell’OPEC abbiano difficoltà a pompare più petrolio. Nonostante i massicci aumenti dei prezzi, l’Alleanza aumentò leggermente la produzione giornaliera. E anche i tagli ai dazi sulla produzione o le tasse sul carburante non aiutano a lungo termine. Oltre al fatto che una tale misura pubblica potrebbe aiutare le famiglie più povere rispetto a quelle a reddito più alto, secondo la Banca Mondiale, esse minacciano solo di aumentare la domanda di benzina e diesel.

READ  I dipendenti Apple si oppongono al ritorno obbligatorio in ufficio | una mela

Esiste la possibilità che gravi blocchi in Cina possano smorzare un aumento dei prezzi del petrolio. Le rinnovate misure contro il coronavirus stanno sconvolgendo la vita pubblica nelle principali città cinesi. In definitiva, ciò potrebbe influenzare anche l’industria e quindi la domanda di petrolio.

Prodotti agricoli e minerali

I prezzi dei prodotti non energetici, come prodotti agricoli e minerali, dovrebbero aumentare del 20% nel 2022, prima di diminuire leggermente. “Ma questo li lascia ben al di sopra del prezzo medio degli ultimi cinque anni e, in caso di una guerra prolungata o di nuove sanzioni contro la Russia, i prezzi potrebbero aumentare o diventare più volatili del previsto”.

I prezzi elevati hanno anche un costo umano perché limitano la lotta alla povertà. In precedenza Il Fondo Monetario Internazionale ha già abbassato le sue previsioni di crescita Per quest’anno e il prossimo anno, il risultato della guerra in Ucraina e l’impatto di quella guerra sui prezzi dell’energia e dei generi alimentari.

FMI: la guerra in Ucraina e l’inflazione minacciano la ripresa globale

Le case stanno diventando più economiche ora? È ancora il momento giusto per investire nel settore immobiliare? Gli esperti rispondono