QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Bart Swings è il miglior belga delle Olimpiadi? † Piattaforma

Sì, anche gli uomini di hockey belga hanno vinto l’argento a Rio e l’oro a Tokyo, ma lo hanno fatto da squadra. E in un lontano passato, c’erano atleti maschi come il ciclista Andre Noyelle che ha superato Swings e Noyelle ha vinto due volte la medaglia d’oro. Parliamo di 60 anni fa. un’altra volta.

Non possiamo definire individualmente Bart Swings il più grande olimpionico in base alla sua bacheca dei trofei?

“È sempre molto difficile da dire. Soprattutto quando si confrontano i Giochi invernali e quelli estivi”, afferma Jonas Cretor, appassionato di statistiche sportive.

“Quello che devi sempre fare è guardare qualcosa di più delle semplici Olimpiadi e poi vedi a Bart Swings che stiamo drasticamente sottovalutando l’atleta eccezionale con cui sta pattinando”.

“Questo è uno sport piccolo, ma lì ha vinto davvero tutto. A livello europeo e mondiale”.

Essere un vincitore in uno sport non è sempre un vantaggio in un altro. Mentalmente devi imparare ad affrontare il fatto che improvvisamente non sei il migliore.

“Nel pattinaggio in linea, Swings è un killer e un vincitore. Il pattinaggio all’inizio era divertente, ma quando i progressi sono rallentati, ha iniziato a rosicchiare. Soprattutto perché è un pensatore. Bart Swings è sempre positivamente insoddisfatto di lui”, ha detto il mio fisioterapista a un giornale . Ho pensato che fosse una citazione. carino.”

Le possibilità olimpiche di Bart Swings hanno avuto una spinta decisiva nel 2015. Quell’anno, è stato deciso di fare iniziare in massa una disciplina olimpica dei Giochi di Pyeongchang 2018. In precedenza ti abbiamo mostrato perché lo swing è così buono sul campo (vedi “Leggi anche “).

READ  LIVE: Bayeux guida Charleroi in testa, Genk deve lavorare sodo | Jupiler Pro League 2021/2022

“Se non fosse stato per la partenza in serie, le medaglie sarebbero state molto difficili. Bart Swings ha ottenuto i suoi migliori risultati nel pattinaggio di distanza classico nel 2014 con un quarto posto nei 5000 metri”, ricorda Jonas Cretor.

“Non dobbiamo sottovalutare quanto sia migliorato il pattinaggio a distanza classico dal 2014. Gli swing dello skate sono più veloci che mai, ma la competizione è più veloce”.

“Data la somiglianza con il pattinaggio artistico, ha senso che abbia iniziato a concentrarsi sulla mass start. L’ho visto a Pechino. Era solo impegnato con la mass start e il resto si stava scaldando”.

E dopo che Bart ha fatto oscillare lo skateboard belga? “Ho sentito che c’è ancora del talento”.

“Per coincidenza o non solo lo scorso fine settimana ci sono stati i campionati belgi a Tilburg. Ma è molto difficile stimare se questi talenti raggiungeranno la vetta del mondo. Proprio come ciò che Hanne Desmet significa ora per lo short track, verificheremo l’impatto che faremo solo conoscere le prestazioni di Bart Swings sui pattini in cinque o dieci anni”.