QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

BCFI |  Folia |  Nuovi casi di pertosse in Belgio e in altri paesi europei

BCFI | Folia | Nuovi casi di pertosse in Belgio e in altri paesi europei

Lui lei Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie)1 Rapporti ivi contenuti Bollettino epidemiologico settimanale dal 17 al 23 marzo 2024 Il numero di casi di pertosse in diversi paesi europei, incluso il Belgio, è aumentato in modo significativo negli ultimi mesi. La pertosse ha un decorso ciclico, con un aumento del numero di casi ogni 3-5 anni, anche con un elevato tasso di vaccinazione. L’attuale aumento è in parte correlato alla diminuzione della circolazione durante la pandemia di COVID e a un tasso di vaccinazione non ottimale in alcuni gruppi durante la pandemia1,2. La pertosse è particolarmente pericolosa nei neonati.

Entrambe le comunità sono in Belgio Questo aumento è stato segnalato di recente.

  • Dipartimento del Welfare (Fiandre)3: Novità dal 24 aprile 2024. Nel periodo da gennaio ad aprile 2024, ci sono state 672 segnalazioni di pertosse nelle province fiamminghe (principalmente Anversa e Brabante Fiammingo), principalmente in bambini e adolescenti. C'erano 23 bambini di età inferiore a un anno ricoverati in ospedale, e c'erano 21 sotto i 6 mesi.

  • Unione Vallonia-Bruxelles (AVIQ)4: Bollettino Epidemiologico N. 2/2024. Nel 2024 si contavano già 495 segnalazioni di pertosse (447 casi confermati), principalmente nell'Hainaut, nel Brabante Vallone e a Liegi, soprattutto tra bambini e adolescenti. 38 persone sono state ricoverate in ospedale, tra cui… 18 sotto i 6 mesi.

Lui lei Dipartimento del Welfare (Fiandre) Fornisce dettagli sulla vaccinazione durante la gravidanza tra le madri di bambini ospedalizzati. Dei 21 neonati ospedalizzati di età inferiore a 6 mesi.

  • merce 9 madri non sono state vaccinate Contro la pertosse durante la gravidanza e

  • merce Sono state vaccinate 7 madri Contro la pertosse in gravidanza.

  • Per gli altri cinque figli lo stato vaccinale della madre è sconosciuto.

READ  La diagnosi rapida determina il rischio di malattie cardiache

Circa l’85% delle donne incinte nelle Fiandre sono vaccinate contro la pertosse. Pertanto, il numero di giovani madri vaccinate è molto maggiore del numero di madri non vaccinate. Relativamente parlando, il numero di bambini ricoverati in ospedale è molto più basso nel gruppo delle donne vaccinate.

Questi dati supportano ulteriormente la raccomandazione

  • Riguardo a Vaccinazione primaria contro la pertosse Iniziare Bambini piccoli a partire da 8 settimane di etàcon vaccinazioni di richiamo per bambini di età compresa tra 5 e 6 anni e adolescenti di età compresa tra 15 e 16 anni (vedere Tabella 12a nella Guida 12.1.), e

  • A Vaccinare le donne incinte contro la pertosse Proteggendo così il neonato nei primi mesi di vita. Nel Folia dicembre 2022 La nostra conclusione è stata che i dati disponibili supportano la raccomandazione di vaccinare le donne in gravidanza contro la pertosse. Studi osservazionali suggeriscono protezione del bambino piccolo contro la pertosse confermata in laboratorio (protezione circa 80%) e la pertosse grave (combinazione di ricovero ospedaliero e morte; protezione circa 60%).

NB:


Fonti specifiche

1 Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Bollettino settimanale – Rapporto sulla minaccia delle malattie infettive. Settimana 12, 17-23 marzo 2024.
2 Smout E, Mellon D e Rae M. Pertussis è in forte aumento nel Regno Unito e in Europa. Editoriale. BMG 2024;385:q736(doi: 10.1136/bmj.q736)
3 Dipartimento del Welfare (Fiandre). 23 bambini nelle Fiandre sono già stati ricoverati in ospedale con pertosse: il dipartimento di cura sottolinea l'importanza della vaccinazione durante la gravidanza. Notizie, 24 aprile 2024. Guarda anche Notizie sulle malattie infettive – Febbraio 2024
4 Unione Vallonia-Bruxelles (AVIQ): Bollettino Epidemiologico N. 2/2024.

READ  Login verde nell'app, ma Corona: ``Si tratta di un rischio residuo'