QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Berlino non dovrebbe congelare gli affitti

La Corte costituzionale ha annullato la controversa legge che bloccava gli affitti a Berlino. Questa legge è stata introdotta per contrastare il rapido aumento dei prezzi delle case nella capitale.

La Corte suprema di Karlsruhe ha affermato che la legge è entrata in vigore lo scorso anno, ma “contraddice la costituzione ed è stata quindi abrogata”.

Il diritto di locazione è una giurisdizione federale. Il governo di Berlino ha oltrepassato i suoi limiti quando ha promulgato questa legge e la Corte Suprema ha reso chiara la sua decisione. Ha concordato con i partiti di opposizione conservatori e liberali, che hanno ripreso. Anche il settore immobiliare si è opposto alla legge.

La legge, entrata in vigore nel febbraio 2020, è stata approvata con 85 voti su 150 nel Parlamento di Berlino, con la maggioranza dei partiti di sinistra e dei Verdi. Ha imposto un congelamento degli affitti per due anni, quindi è stata messa in atto la fine dell’aumento.

Questo file di simboli riguardava le vecchie case nel mercato privato. Sono circa 1,5 milioni a seconda della città. La legge, che rimarrà in vigore fino al 2025, prevede anche che gli affitti che sono aumentati eccessivamente diminuiranno.

L’obiettivo era combattere il forte aumento degli affitti a Berlino negli ultimi anni. Sebbene Berlino sia una delle capitali più in espansione in Europa, la città soffre di carenza di alloggi.

Berlino era “povera ma eccitante” e oggi la città di 3,6 milioni è un polo economico dinamico, soprattutto per le startup. Negli ultimi dieci anni, queste dinamiche hanno attratto una forza lavoro giovane e altamente qualificata, sebbene la pandemia abbia rallentato questa tendenza.

READ  L'uomo elude il rigoroso blocco in Malesia con 36 parti di "Nassi Ganga" consegnate in elicottero | La cosa migliore del web

I berlinesi spendono in media un quarto del loro stipendio per le loro case, secondo gli ultimi dati del sito web immobiliare Immowelt. Solo il 18,4 per cento di loro possiede la propria casa. Questa è una delle proporzioni più basse in Europa.